TU puoi salvare l'Italia senza rivoluzioni ne politica: ECCO COME

(Napoli)ore 07:41:00 del 07/09/2017 - Categoria: , Economia, Lavoro, Politica

TU puoi salvare l'Italia senza rivoluzioni ne politica: ECCO COME

TUTTI GLI ITALIANI CON UN SEMPLICE GESTO GIORNALIERO POSSONO SALVARE L’ITALIA.NON SERVONO NE RIVOLUZIONI NE POLITICA, MA LA CONSAPEVOLEZZA E LA VOGLIA DI RINASCERE .

TUTTI GLI ITALIANI CON UN SEMPLICE GESTO GIORNALIERO POSSONO SALVARE L’ITALIA.NON SERVONO NE RIVOLUZIONI NE POLITICA, MA LA CONSAPEVOLEZZA E LA VOGLIA DI RINASCERE .ACQUISTIAMO PRODOTTI MADE IN ITALY E VERRÀ LA FINE DI TUTTI I NOSTRI PROBLEMI ECONOMICI.

Quello italiano è stato da sempre un popolo che si è distinto a livello mondiale nella produzione di prodotti di ogni genere e in ogni settore, da quello alimentare al tessile, artigianato ecc. Da anni i nostri prodotti, specie quelli alimentari sono famosi in tutto il mondo, e riscuotono fama e successo.

Nonostante ciò le nostre aziende sono in crisi, questi prodotti eccellenti vengono venduti con molta difficoltà a causa della concorrenza sleale generata dal “libero mercato globale” imposto dalla UE, che permette l’importazione di prodotti esteri (spesso senza dazi), i quali, data la scarsa qualità e la bassa tassazione, possono essere venduti a prezzi con i quali è impossibile competere.

Negli ultimi venti anni infatti, il grado di apertura internazionale dell’Italia è aumentato: il rapporto tra la somma delle esportazioni e importazioni e il Pil ha raggiunto il 57%, con il peso delle importazioni vicino al 30%. È cresciuta l’importanza degli acquisti dall’estero di beni di consumo, che assorbono oltre il 10% della spesa delle famiglie. Dall’estero compriamo circa un quinto dei prodotti alimentari consumati, prevalentemente carne e pesce, con una spesa complessiva di 30 miliardi di euro. Dall’estero proviene anche un quarto dell’abbigliamento acquistato dagli italiani e più del 40% delle calzature.

Tutto ciò toglie ricchezza alle nostre produzioni interne, ed ecco che le nostre aziende muoiono.

Come possiamo fermare questo scempio ai danni delle nostre aziende e rilanciare l’economia?

Una prima soluzione politica sarebbe quella di alzare le tasse sui prodotti esteri e abbassarle notevolmente su quelli italiani, in modo che i prezzi dei nostri prodotti possano tornare a competere con quelli esteri, e a quel punto “vince” la qualità (cioè la nostra)…. Stiamo fantasticando, questa è una soluzione che non adotterebbe mai un governo “europeista convinto”, che sta addirittura valutando un ulteriore aumento dell’ IVA….

L’unica soluzione plausibile sarebbe quella di aggirare noi stessi il problema.
Non servono rivoluzioni ne guerre, basterebbe un gesto quotidiano di tutti da fare ad esempio quando andiamo a fare la spesa, quando acquistiamo beni come auto, moto ecc. Basterebbe veicolare il nostro denaro in modo che rimanga il più possibile nel nostro paese e finisca nelle tasche delle nostre aziende, basterebbe acquistare prodotti made in Italy.

Se acquistassimo solo prodotti italiani basterebbe pochissimo tempo per far riprendere l’economia.
Dopo un inizio con un pò di sacrifici per noi consumatori (dato il prezzo gonfiato del made in Italy a causa dell’ elevata tassazione), ci sarebbe una crescita altissima delle nostre imprese con conseguente abbassamento dei prezzi (grazie alla domanda elevata). In questo modo si risolverebbero tutti i nostri problemi ( + produzione = + lavoro = + ricchezza nel nostro paese).

Inoltre con questa strategia costringeremo le multinazionali presenti nel nostro paese a rifornirsi dai nostri produttori per immettere il made in italy nei loro centri commerciali. I loro banconi si riempirebbero di italianità ma soprattutto di qualità, agli stessi prezzi (se non più bassi) delle schifezze importate da Tunisia, Marocco, Cile ecc che oggi ci propinano.

Siamo noi gli artefici del nostro destino, e in questo modo possiamo cambiarlo senza troppi sforzi ne rischi.

Da: Jeda

Scritto da Carmine

ALTRE NEWS
Social Card INPS 2018 per disoccupati: REQUISITI E COME FARE DOMANDA
Social Card INPS 2018 per disoccupati: REQUISITI E COME FARE DOMANDA
(Napoli)
-

Come fare per richiedere la Social Card INPS 2018? Vediamo nel dettaglio di capire come funziona, chi può fare richiesta ed entro quali termini.
La Social Card INPS permette alle famiglie e alle persone che ne hanno bisogno,...

Entro 15 anni sparira' 1 mestiere su 2
Entro 15 anni sparira' 1 mestiere su 2
(Napoli)
-

Il lavoro di oggi? Sparirà. E quello di domani sarà diverso, gestito in tandem con le macchine. Sta cambiando tutto alla velocità della luce, ma nessuno ce lo sta dicendo: né la politica, né i media, né tantomeno la scuola.
Il lavoro di oggi? Sparirà. E quello di domani sarà diverso, gestito in tandem...

Fusione Bayer-Monsanto: l'INFERNO che attende il mondo
Fusione Bayer-Monsanto: l'INFERNO che attende il mondo
(Napoli)
-

In che universo è possibile che a due delle corporations mondiali più moralmente corrotte, Bayer e Monsanto, venga permesso di unire le forze, in quello che promette di essere il prossimo stadio nell’acquisizione delle risorse agricole e farmaceutiche del
In che universo è possibile che a due delle corporations mondiali più moralmente...

Vitalizi in Sicilia? 18 milioni l'anno. E li incassano gli eredi degli ex deputati
Vitalizi in Sicilia? 18 milioni l'anno. E li incassano gli eredi degli ex deputati
(Napoli)
-

Dopo la Camera dei deputati anche l’Assemblea regionale siciliana. Il Movimento 5 stelle ha presentato una proposta di delibera all’ufficio di presidenza per tagliare i vitalizi sull’isola.
Dove per la verità erano stati aboliti già nel 2012, quando i deputati regionali...

LIBERARCI DALL'EURO...o siamo condannati all'Austerita'
LIBERARCI DALL'EURO...o siamo condannati all'Austerita'
(Napoli)
-

M5S e Lega hanno vinto le elezioni dicendo basta all’austerità e proponendo 130 miliardi di spese per reddito di cittadinanza e flat tax.
M5S e Lega hanno vinto le elezioni dicendo basta all’austerità e proponendo 130...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati