Spaghetti alla chitarra, ricetta

PESCARA ore 08:47:00 del 30/11/2015 - Categoria: Cucina - Spaghetti alla chitarra

Spaghetti alla chitarra, ricetta

Gli spaghetti alla chitarra, detti anche tonnarelli, maccheroni alla chitarra o maccheroni carrati (dal dialetto maccarunə) in Abruzzo, sono una varietà di pasta davvero gustosa1

Cominciando dall’interno, mescolate le uova con una forchetta o con un cucchiaio, prendendo man mano la farina dai bordi; lavorate poi con le Mani l’impasto (13) dall’esterno verso l’interno, amalgamando tutta la farina che si trova sul piano di lavoro. Avvolgete dunque la pasta ottenuta nella pellicola trasparente (14) e lasciatela riposare per circa 1 ora in un luogo fresco e asciutto. Dopo il riposo, la pasta fresca risulterà più morbida ed elastica: preparatevi quindi a stenderla. Infarinate il piano di lavoro e dotatevi di un mattarello. Prima di stenderla appiattite il vostro panetto effettuando una leggera pressione con le dita, stendete la sfoglia con il matterello spessa circa mezzo cm (15).

Spaghetti alla chitarra

Farina 00 300 gr Uova medie 3 Sale q.b.

Conservazione

Preparazione

Si tratta di spaghetti di pasta all’uovo (conosciuti anche come maccheroni o tonnarelli) che hanno la tipica sezione quadrata che li contraddistingue, realizzati con un telaio di legno sul quale sono fissati dei fili metallici che ricorda proprio una chitarra. Il condimento di questi spaghetti è un sugo di carni miste molto saporito che richiede una lunga cottura ed è arricchito con piccolissime polpettine di manzo , le pallottine appunto. Portate in tavola i sapori dell’Abruzzo con la ricetta degli spaghetti alla chitarra con pallottine.

Aggiungete la carne (7) e lasciate rosolare bene, poi sfumate con il vino bianco (8), lasciate evaporare per un momento e poi aggiungete i pomodori pelati (9).

Spaghetti alla chitarra

Per questa preparazione la pasta all’uovo non deve essere morbida. Per la stesura potete aiutarvi anche con un po’ di semola rimacinata.

Mescolate in modo da insaporire la carne (10), salate e pepate, coprite con un coperchio e lasciate cuocere per circa 3 ore. Preparate intanto la pasta all’uovo: setacciate la farina in una ciotola (1), quindi disponetela a fontana sul piano di lavoro, poi formate un incavo nel centro (11) e versate le uova (12) che avrete tenuto a temperatura ambiente, infine aggiungete il sale .

Conservate gli spaghetti alla chitarra con le pallottine in frigorifero in un contenitore ermetico per 1 giorno. Le polpette potete conservarle  separatamente in frigorifero per 1-2 giorni oppure congelarle se avete utilizzato ingredienti freschi. E’ possibile preparare le polpette 8-12 ore prima di cuocerle conservandole in frigorifero.

Spaghetti alla chitarra

Spaghetti alla chitarra

Per realizzare gli spaghetti alla chitarra con pallottine iniziate dalle pallottine: in una ciotola ponete la carne trita, l’uovo, il pepe (1) , il formaggio (2) , il sale e un pizzico di noce moscata. Mescolate con le mani per amalgamare gli ingredienti e formate le pallottine, ovvero piccole polpettine che non devono esse più grandi di 1 cm (3).

Ponete sul fuoco una pentola piena di acqua salata e portatela al bollore, versate gli spaghetti (22) e cuoceteli per 5 minuti circa. Scolate la pasta (23) e conditela con il sugo (24), esclusa la carne, che potrete usare per accompagnare il piatto.

Ingredienti per gli spaghetti alla chitarra

Spaghetti alla chitarra

Carne bovina macinata 300 gr Uova 1 Parmigiano reggiano grattugiato 20 gr Noce moscata q.b. Pepe q.b. Sale q.b.

Spaghetti alla chitarra

Spaghetti alla chitarra: la cucina abruzzese offre tante specialità tradizionali saporite e gustose, chi non conosce i famosi arrosticini, l’agnello cacio e ova o i golosi soffioni? Anche nei primi piatti questa regione ci delizia con ricette dai sapori decisi e rustici che non passano mai di moda, come gli spaghetti alla chitarra con pallottine.

Spaghetti alla chitarra

Spaghetti alla chitarra

PER IL RAGU'

Il consiglio

Estraete i pezzi di carne cotti nel sugo e teneteli da parte (19), ponete le pallottine in una padella e fate saltare pochi minuti con un filo di olio (20), poi versate il sugo privato dei pezzi di carne (21).

Sedano 1 costa Carote 1 Cipolle 1 Carne ovina costine di agnello 300 gr Carne di suino puntine 300 gr Carne bovina manzo biancostato 300 gr Pomodori pelati 700 gr Vino bianco 50 ml Sale q.b. Olio di oliva q.b. Pepe q.b.

Una volta formata la sfoglia, infarinatela per bene e poi ponetela sulla “chitarra” (16). Passate sopra il matterello per tagliare la pasta (17) . Infarinatela bene e ponetela su uno stendi pasta di legno (18) oppure formate un nido che metterete su un vassoio con carta forno infarinata o uno strofinaccio, anch’esso infarinato.

A mano a mano che formate le pallottine, ponetele su un vassoio infarinato (4), poi coprite con pellicola e tenete da parte. Occupatevi ora del sugo di carne: tritate sedano, carota e cipolla (5) finemente e soffriggete lentamente con un filo d’olio (6).

PER LE PALLOTTINE

Scritto da Carla

ALTRE NEWS
Pasta e fagioli estiva, ricetta
Pasta e fagioli estiva, ricetta

-

Sgranare i fagioli quindi metterli in un tegame di coccio con acqua fredda, uno spicchio d’aglio e qualche aroma (salvia e/o alloro); a fine cottura aggiungere il sale. I fagioli dovrebbero lessare in circa 50-60 minuti
Cremosa e saporita, la pasta e fagioli è uno di quei piatti della tradizione...

Bruschetta con burrata e verdure, ricetta
Bruschetta con burrata e verdure, ricetta

-

Se desiderate potete aggiungere anche dei gherigli di noce!
W le bruschette… così versatili e facili da preparare, sono sempre una...

Lasagne al pesto, Ricetta
Lasagne al pesto, Ricetta

-

Le lasagne al pesto sono un concentrato di preparazioni da fare in casa che, se pur richiedano un po’ di tempo, vi ripagheranno nel gusto e nella soddisfazione di aver fatto tutto da soli!
Le lasagne al pesto sono una ricetta speciale in cui due grandi amori della...

Il segreto del Pane della Nonna che durava 10 GIORNI!
Il segreto del Pane della Nonna che durava 10 GIORNI!

-

Il Pane della Nonna, forse qualcuno lo ricorda, durava dieci giorni… e allora cos’è questa porcheria che ci fanno mangiare oggi?
Una volta il pane delle nonne durava, nella media, dieci giorni; ora dopo tre...

Bicchierini di riso venere e spada, ricetta
Bicchierini di riso venere e spada, ricetta

-

Servendo i bicchierini di riso venere e spada in contenitori monoporzione trasparenti, il contrasto cromatico sarà subito visibile e invoglierà i vostri ospiti ad affondare il cucchiaino per andare alla scoperta di un conturbante gioco di sapori, aromi e
Lo sapevate che il riso venere è chiamato così perché nell’antichità era...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati