Siamo ormai SCHIAVI che odiano la LIBERTA'

(Milano)ore 17:43:00 del 10/10/2017 - Categoria: , Editoria, Lavoro

Siamo ormai SCHIAVI che odiano la LIBERTA'

Quanti pomeriggi ti hanno rubato maestre, genitori e insegnanti, quando tu volevi solo correre nei prati con i tuoi amici, arrampicarti sugli alberi e toccare il cielo con un dito?

Quanti pomeriggi ti hanno rubato maestre, genitori e insegnanti, quando tu volevi solo correre nei prati con i tuoi amici, arrampicarti sugli alberi e toccare il cielo con un dito?

Quante volte ti è stato ripetuto che giocare è tempo perso?

Mentre è proprio giocando che si impara a vivere, ad essere solidali con i propri compagni, ad apprezzare le cose, tutte le cose. 
Giocare significa essere felici.

Quando sei piccolo mai penseresti di uccidere farfalle per poterle collezionarle, e lo sai perché?

Perché quando camminavi a piedi scalzi su quei verdi prati, quando ti nutrivi con il calore del Sole sulla tua pelle e mangiavi i frutti cogliendoli direttamente dall'albero, apprezzavi la Libertà più di ogni altra cosa al mondo e le farfalle che ti volavano attorno festeggiavano e condividevano quella libertà con te, la tua felicità era la loro.

Quale uomo libero collezionerebbe mai delle farfalle? 
Sarebbe un vero sadico, un piccolo dittatore...

Quando l'essere umano è piccolo e la sua mente ancora incontaminata dallaspazzatura sociale, ama gli alberi e l'uccellino che si posano a cinguetta nei suoi rami, quando invece diventa adulto e la spazzatura sociale accumulata negli anni sarà tale da averlo trasformato in un ruolo vagante, quello stesso essere umano, che ora non è niente più che un semplice uomo, taglierà l'albero su cui cantava quell'uccellino per poter costruire con il suo legno una casetta per uccelli. 

Capite l'assurdità? 

Quell'uomo ha tagliato un albero magnifico per costruire una piccola, insignificante casa al piccolo volatile. 
Ora vuole che anche quell'uccello venga rinchiuso tra le mura. 

Perché ha fatto questo? Perché gli è stato insegnato a racchiudere sé stesso in una proprietà privata, a dire “questa è la mia casa, la mia terra, la mia nazione.” 

Prima possedeva il mondo intero, ora possiede solo una casa, una proprietà, un lavoro, un ruolo, prima possedeva il tempo, ora possiede i soldi.

Cosi gli è stato insegnato cosi l'uomo vuole insegnare a sua volta inconsciamente all'uccellino, ai suoi figli e ai suoi nipoti.

Chi è stato indottrinato a lucidare le proprie catene odia qualsiasi cosa che gli ricordi la libertà, la odia a livello inconscio, per questo compie delle azioni stupide senza rendersene conto e senza provare alcun rimorso!

Da: QUI

Scritto da Gregorio

ALTRE NEWS
Italia ultima in Europa per retribuzione reale dei giovani laureati
Italia ultima in Europa per retribuzione reale dei giovani laureati
(Milano)
-

L’indagine della società di consulenza Willis Towers Watson ha riguardato principalmente i dipendenti di aziende multinazionali
I giovani laureati italiani, tenendo conto anche delle imposte e del costo della...

Meglio avere un LAVORO...o una VITA?
Meglio avere un LAVORO...o una VITA?
(Milano)
-

Ci si abitua a tutto, e forse è proprio questo il nostro più imperdonabile errore… perché non ci si dovrebbe mai abituare a certe cose.
La parola “estate” a 15 anni significava vacanze, mare, andare a dormire tardi...

Tutti gli sgravi della Manovra: dai bonus asili nido e cultura alle detrazioni casa
Tutti gli sgravi della Manovra: dai bonus asili nido e cultura alle detrazioni casa
(Milano)
-

La manovra del cambiamento non ha modificato granché le detrazioni e i bonus fiscali già esistenti.
La manovra del cambiamento non ha modificato granché le detrazioni e i bonus...

Il Sud e' un posto dove si lavora TROPPO per TROPPO POCO: ALTRO CHE NULLAFACENTI
Il Sud e' un posto dove si lavora TROPPO per TROPPO POCO: ALTRO CHE NULLAFACENTI
(Milano)
-

Il Sud è stato raccontato come il territorio dei nullafacenti che aspirano al sussidio. Converrà rovesciare il punto di vista. È il luogo dove si fanno 800 chilometri per conquistarsi un contratto.
La politica che si interroga sui motivi della rivolta elettorale del Sud...

Professori italiani: i meno pagati e i piu' lavoratori d'EUROPA
Professori italiani: i meno pagati e i piu' lavoratori d'EUROPA
(Milano)
-

Gli insegnanti italiani guadagnano poco. Almeno rispetto alla maggior parte dei loro colleghi europei. E il divario aumenta a confronto con i tedeschi che a fine mese portano a casa mediamente il doppio
Gli insegnanti italiani guadagnano poco. Almeno rispetto alla maggior parte dei...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati