Shoah: ecco chi la nega ancora oggi

BIELLA ore 08:20:00 del 16/02/2015 - Categoria: Cultura, Curiosità, Sociale

Shoah: ecco chi la nega ancora oggi

Shoah: ecco chi la nega ancora oggi. Ecco chi sono coloro che negano la Shoah

Negazionismo: questa parola sta prendendo sempre più significati ma la sua radice risulta essere oggi marcia perché dietro a questa parola si nascondono mille ideologie. Principalmente si parla di negazionismo quando viene negato lo sterminio degli ebrei durante la Seconda guerra mondiale. Purtroppo esistono anche persone che nonostante testimonianze dirette, fotografie, filmati, scritti, dichiarazioni e soprattutto cimiteri e fosse comuni con oltre 6 milioni di ebrei morti in quel disgraziato periodo, negano che quegli eventi si siano mai verificati. Molte volte si definiscono negazionisti proprio i neofascisti e i neonazisti, il che ci fa pensare…

Lo sterminio degli ebrei e di tutti gli altri che la gente si dimentica (zingari e omosessuali, perlopiù) c'è stato. Questo è innegabile, ci sono i corpi, ci sono prove concrete, ci sono modus operandi descritti e soprattutto c'è un'ideologia documentata che prevedeva l'inferiorità delle razze non ariane, che prevedeva una GerMania solo tedesca. La cosa più terrificante del genocidio però è il fatto che storicamente non è stato nulla di eccezionale. Ci sono stati numerosi genocidi simili sia prima che dopo l'Olocausto, sia per numeri che per atrocità compiute.

Il rischio insito nella celebrazione della memoria dell'Olocausto è che questa si trasformi nella dimenticanza degli altri genocidi. Per questo i negazionisti non amano molto il ritrarre il nazismo come male assoluto e l'Olocausto come la più grande tragedia della storia: troviamo molto più interessante considerare Hitler come un uomo, il nazismo come un'idea nata da uomini, che ogni giorno potrebbe riaffacciarsi sulla storia. Questo ai nostri occhi lo rende mille volte più terribili.

Sinceramente all’umanità non serve sapere se tutti quei bambini innocenti dietro le reti dei campi di concentramento sono stati uccisi con il gas, con la fame, con le malattie e il freddo, o con la brutalità di una pallottola: sono stati uccisi e basta! Non ci serve sapere che qualcuno ci dica ho ucciso tanti innocenti perchè mi era stato ordinato: ha ucciso! A noi non serve avere sei milioni di vittime per credere all'esistenza di un genocidio: sono sei milioni di morti e sei milioni di morti sono un genocidio!

Scritto da Gerardo

ALTRE NEWS
L'occulto problema dei DISTURBI ALIMENTARI degli italiani
L'occulto problema dei DISTURBI ALIMENTARI degli italiani

-

Centri insufficienti, mancanza di informazione, burocrazia esasperata: nonostante i dati allarmanti, chi soffre di questi problemi spesso non sa a chi chiedere aiuto per trovare una via d’uscita
Nessuno sa veramente cosa sia un disturbo alimentare finché non lo vive,...

Aumentare livelli di DOPAMINA per essere felici!
Aumentare livelli di DOPAMINA per essere felici!

-

La dopamina risulta essere essenziale e preziosa per una serie di motivazioni che riguardano il nostro benessere
La dopamina è un neurotrasmettitore, responsabile della trasmissione dei segnali...

2 ore nella natura? Ecco come si trasformano i nostri ORMONI e DNA!
2 ore nella natura? Ecco come si trasformano i nostri ORMONI e DNA!

-

Una passeggiata nella natura oltre a liberarci la mente e mettere in moto il corpo cambia i percorsi neuronaliin modo da migliorare nettamente la nostra salute mentale. Non è un guru a dircelo ma uno studio dell’Università di Stanford.
Steve Jobs è noto per i suoi “meeting camminati” nel parco e lo stesso anche il...

Roma: poesie gratis al BAR, col caffe' e cornetto!
Roma: poesie gratis al BAR, col caffe' e cornetto!

-

È “Caffè, cornetto e poesia”, l’iniziativa che nasce da un’idea del gruppo di arti performative Grande Come una città, del III municipio della Capitale, deciso a “contagiare” la creatività di chi anima tutti i territori e le città che avranno il piacere d
Inondare la città con la poesia: in occasione della Giornata internazionale...

Puglia: prima regione in Italia a dire STOP ALLA PLASTICA nelle spiagge
Puglia: prima regione in Italia a dire STOP ALLA PLASTICA nelle spiagge

-

Anticipata di due anni la direttiva dell'Unione Europea, che pone come limite il 2021.
“Sarà certamente complicato, ma possiamo farlo”. Lo aveva scritto il governatore...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati