Scommesse online: 68 arresti, volume di affari per 4,5 miliardi per le MAFIE

(Roma)ore 19:39:00 del 15/11/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce

Scommesse online: 68 arresti, volume di affari per 4,5 miliardi  per le MAFIE

Tre diverse indagini hanno portato all’arresto di 68 persone della criminalità organizzata pugliese, reggina e catanese

Le mafie si sono spartite e controllano il mercato delle scommesse online: è il sunto dell’operazione internazionale, coordinata dalla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, che ha visto impegnati uomini di Guardia di finanza, Polizia di Stato, Carabinieri e Direzione investigativa antimafia. Tre diverse indagini delle procure di Bari, Reggio Calabria e Catania, coordinate dalla Dna, hanno portato a sessantotto provvedimenti restrittivi a carico di importanti esponenti delle criminalità organizzate locali, nonché di imprenditori e prestanome; circa 80 perquisizioni; sequestri in Italia ed in numerosi Stati esteri per circa un miliardo di euro.  Il volume delle giocate, riguardanti principalmente eventi sportivi, è superiore ai 4,5 miliardi. I reati contestati sono riconducibili all'associazione mafiosa, al trasferimento fraudolento di valori, al riciclaggio e autoriciclaggio, all'illecita raccolta di scommesse online ed alla fraudolenta sottrazione ai prelievi fiscali dei relativi guadagni.

Come venivano gestiti gli affari


Le indagini hanno portato alla luce la spartizione e il controllo, con modalità mafiose, del mercato delle scommesse clandestine su Internet attraverso diverse piattaforme gestite dalle stesse organizzazioni mafiose. Il denaro accumulato illegalmente, il cui percorso è stato monitorato dalle Fiamme Gialle, veniva poi reinvestito in patrimoni immobiliari e posizioni finanziarie all'estero intestati a persone, fondazioni e società, tutte ovviamente schermate grazie alla complicità di diversi prestanome.

C'è bisogno di “quelli che cliccano, che movimentano” i soldi
Le nuove organizzazioni criminali non sono più alla ricerca di quelli che fanno “bam bam”, cioè di quelli che sparano, ma di quelli che movimentano soldi facendolo transitare da un Paese all’altro senza lasciar traccia delle transazioni online. A confermare questo cambio di mentalità è uno degli indagati, intercettato dalla Guardia di Finanza mentre spiega quale sia la strategia giusta da attuare. “Io cerco i nuovi adepti nelle migliori università mondiali – lo sentono dire i finanzieri – e tu vai ancora alla ricerca di quattro scemi in mezzo alla strada vanno a fare così: ‘bam bam!'”- “Io invece – aggiunge l’uomo – cerco quelli che fanno così: ‘pin pin!!’. che cliccano, quelli che cliccano e movimentano. E’ tutta una questione di indice, capito?”

Da: QUI

Scritto da Luca

ALTRE NEWS
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
(Roma)
-

Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni imprudenti, a caccia di “shale oil” nel sottosuolo?
Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni...

Migranti: ecco il business della DETENZIONE e del RIMPATRIO (e i FRANCESI fanno soldi)
Migranti: ecco il business della DETENZIONE e del RIMPATRIO (e i FRANCESI fanno soldi)
(Roma)
-

La prefettura di Milano pubblica i bandi di gara per affidare centri e strutture per migranti e mette nero su bianco una realtà: punita economicamente la piccola accoglienza
È ufficiale: i famosi 35 euro per migrante sono stati cancellati. È finita la...


(Roma)
-


È partita sfida dell'Umbria al decreto Sicurezza di Matteo Salvini. Il tema è...

City car, elettrica, italiana: perche' darla ai cinesi?
City car, elettrica, italiana: perche' darla ai cinesi?
(Roma)
-

Ecco l’auto elettrica (90km/h – 200 km di autonomia – costo 10.000 € – consumi praticamente 0) che l’Italia non vuole e la Cina Si… Potenza delle lobby del petrolio!
La Askoll di Vicenza da tre anni non trova sostegno e finanziamenti per un...

Terremoto nel Centro Italia, la ricostruzione e' un DISASTRO: CHE FINE HANNO FATTO LE PROMESSE?
Terremoto nel Centro Italia, la ricostruzione e' un DISASTRO: CHE FINE HANNO FATTO LE PROMESSE?
(Roma)
-

Muffa tossica nelle casette e caporalato nei cantieri post-sisma.
Prima Amatrice, poi Accumoli, infine Arquata del Tronto. Era l’11 giugno...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati