Roma, Natale da INCUBO sommersi dalla 'MUNNEZZA'!

(Roma)ore 14:50:00 del 26/12/2017 - Categoria: , Ambiente, Cronaca, Denunce, Politica

Roma, Natale da INCUBO sommersi dalla 'MUNNEZZA'!

Natale da incubo ma, d' altronde, la scomparsa prematura di «Spelacchio» non lasciava presagire nulla di buono.

IL NATALE DA INCUBO DELLA CAPITALE – PERCULATI IN TUTTO PER IL MONDO PER SPELACCHIO (VIDEO), I ROMANI AFFOGANO NELLA MONNEZZA - LA RACCOLTA DEI RIFIUTI DI NUOVO IN TILT E L’AMA PENSA DI AFFIDARE IL SERVIZIO AI PRIVATI – E PER LO STALLO DELLA METRO D ARRIVA AL COMUNE UNA RICHIESTA DI 29 MILIONI DI EURO

Natale da incubo ma, d' altronde, la scomparsa prematura di «Spelacchio» non lasciava presagire nulla di buono. A pochi giorni dal decesso dell' abete più brutto, malandato e tenero che la Capitale ricordi, i romani si raccolgono attorno alla «salma» e piangono. Un po' per il caro estinto, un po' perché si preparano a ricevere i loro doni. Non c' è odore di biscotti, né confezioni scintillanti da scartare, ma una distesa di spazzatura maleodorante.

«Sono quindici giorni che non ritirano i rifiuti, nel cortile del nostro condominio è pieno di topi». A parlare è Carla Canale, l' avvocato che lo scorso 6 dicembre, assieme ai rappresentanti dei comitati di quartiere del IX Municipio, ha presentato una diffida formale per intimare all' Ama e al Campidoglio di ripristinare il servizio di raccolta dei rifiuti. Siamo a Fonte Meravigliosa e gli androni dei palazzi di questo quartiere che confina con l' Eur sono completamente sommersi dall' immondizia.

Una brutta cartolina di Natale, soprattutto ora che il caso di «Spelacchio» ha fatto il giro dei media di tutto il mondo, New York Times incluso e si è riaccesa l' attenzione sulla gestione zoppicante della giunta grillina, alle prese anche con il rifiuto, da parte della Regione Toscana, di accogliere altre tonnellate di spazzatura

Che così continua ad accumularsi ovunque. Via di Vigna Murata, via Laurentina, Mostacciano, Torrino: un raccordo anulare di immondizia.

Colpa anche dei mezzi di raccolta dell' Ama che da quattro mesi lavorano a mezzo servizio. Soltanto il 18 per cento dei cosiddetti «squaletti», le vasche ribaltabili adibite alla raccolta porta a porta, sono funzionanti. Il resto è fermo nelle officine ad attendere i pezzi di ricambio che non arrivano mai. Nel frattempo, i quattro angoli della Capitale restano subissati dai sacchi della spazzatura, tanto che l' ad di Ama, Lorenzo Bagnacani, starebbe pensando a esternalizzare il servizio in attesa di un nuovo appalto per trenta compattatori e cento «squaletti», visto che l' ultima gara è andata deserta.

Un paradosso per la giunta grillina: ha difeso il servizio pubblico a ogni costo e ora lancia una specie di «privatizzazione» a tempo.

In realtà il servizio va avanti a singhiozzo dal mese di agosto, ma da quando la raccolta dei rifiuti porta a porta è stata estesa, un mese fa, anche al X Municipio e al Ghetto, nei quartieri periferici i mezzi dell' Ama non si sono più fatti vedere. «Il risultato è che le isole ecologiche condominiali per cui abbiamo speso fino a 10mila euro sono invase dalla spazzatura», spiega l' avvocato. Ora i residenti pretendono di essere risarciti dal Campidoglio con la decurtazione del 60 per cento sulla tariffa dei rifiuti e il pagamento dei danni. Il degrado non risparmia nemmeno le scintillanti vie dello shopping al centro del quartiere famoso per l' architettura razionalista. «Davanti ai negozi si accumulano rifiuti e foglie secche ammassate in strada», denuncia Paolo Lampariello, presidente dell' associazione «Ripartiamo dall' Eur».

Esposti e diffide si moltiplicano in ogni quadrante di Roma. Anche Patrizia, una barista del quartiere San Lorenzo, ha firmato per chiedere i danni al Comune. «L' Ama e le cooperative si rimpallano le responsabilità, fatto sta che l' immondizia sono costretta a buttarmela da sola», dice confessando di rimpiangere i vecchi secchioni su strada. Qui i palazzi sono invasi dai topi e dai cattivi odori. In Campidoglio intanto si preparano a dover fare i conti con un' altra sciagura. La richiesta di risarcimento di 29 milioni di euro di danni arrivata a Roma Capitale e Roma Metropolitane dalla Rti Condotte, per non aver dato seguito «ad alcun provvedimento, mantenendo una situazione di stallo, sulla metro D». Un bel regalo di Natale, ma non per i romani.

Dago

Scritto da Gregorio

ALTRE NEWS
Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti
Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti
(Roma)
-

Un’operazione da 340 milioni e manca ancora la commissione per Mendes. I costi sono già aumentati con gli ultimi acquisti, la gestione si è un po’ stressata
La domanda è sempre la stessa: come farà la Juventus a consentirsi l’acquisto e...

MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno
MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno
(Roma)
-

“Una rivoluzione nell’approccio libero alla cultura”, dicono dal Campidoglio e un chiaro segno di un’apertura nei confronti di residenti e studenti.
Costa 5 euro e a partire da oggi darà accesso gratuito per 12 mesi alle gallerie...

Fusione Bayer-Monsanto: l'INFERNO che attende il mondo
Fusione Bayer-Monsanto: l'INFERNO che attende il mondo
(Roma)
-

In che universo è possibile che a due delle corporations mondiali più moralmente corrotte, Bayer e Monsanto, venga permesso di unire le forze, in quello che promette di essere il prossimo stadio nell’acquisizione delle risorse agricole e farmaceutiche del
In che universo è possibile che a due delle corporations mondiali più moralmente...

Arrestato l'uomo che Renzi voleva come GIUDICE del CONSIGLIO DI STATO!
Arrestato l'uomo che Renzi voleva come GIUDICE del CONSIGLIO DI STATO!
(Roma)
-

Quando l' ex presidente del consiglio Matteo Renzi propose Giuseppe Mineo come giudice del Consiglio di Stato, ossia il massimo organo della giustizia amministrativa, si crearono non pochi imbarazzi
TINTINNIO DI MANETTE – ARRESTATO A MESSINA GIUSEPPE MINEO, L’UOMO CHE RENZI...

Ecco con quali trucchi i boss aggirano il 41BIS
Ecco con quali trucchi i boss aggirano il 41BIS
(Roma)
-

Il carcere duro previsto per isolare i capi dagli affiliati a piede libero viene sempre più spesso dribblato grazie a una serie di accorgimenti. E così si tradisce l'insegnamento di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino
Non appena il mafioso Alessandro Piscopo arriva alle porte della sua Vittoria,...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati