Recensione Tour de France 2018

(Cagliari)ore 07:19:00 del 07/07/2018 - Categoria: , Videogames

Recensione Tour de France 2018

Oggi è il turno della prova di Tour de France 2018, gioco disponibile per PlayStation 4. Vediamo come è andata.

Le ultime vicissitudini relative al caso Froome e alla sua assoluzione per un caso di doping avvenuta, con tempismo quantomeno brillante, appena alla vigilia del Tour de France, hanno fatto salire nuovamente il ciclismo agli onori delle cronache per i motivi sbagliati.

Lo studio francese Cyanide, come ogni anno, prova invece a farci innamorare di nuovo di questo sport così affascinante con i suoi titoli per console e PC. Oggi è il turno della prova di Tour de France 2018, gioco disponibile per PlayStation 4. Vediamo come è andata. Le novità di questa edizione Con Tour de France 2018 potremo prendere il controllo dei ciclisti durante le varie fasi delle corse.

Uno dei difetti della serie è stato sempre la mancanza di cose da fare: poche corse e pochi risvolti gestionali rendevano i capitoli precedenti piuttosto monotoni dopo poco tempo. Quest’anno, Cyanide ha cercato di migliorare la situazione con aggiunte che, tutto sommato, presentano livelli qualitativi piuttosto altalenanti. Andiamo con ordine: il calendario delle competizioni, in questa edizione, è stato rimpolpato con la presenza della Parigi-Roubaix e del campionato del mondo, cui si aggiungono Tour de France, Giro del Delfinato, Parigi-Nizza, Eneco Tour e altre competizioni, per un totale di sette eventi. Le possibilità di gioco, allo stesso tempo, sono state ampliate con l’aggiunta della modalità Pro Leader e la riprogettazione dell’opzione Pro Team. Su tutti questi aspetti torneremo meglio dopo: per adesso ci interessa parlare del quadro complessivo delle modalità di gioco, comprendente anche le opzioni multiplayer. Il comparto multigiocatore, disponibile solo in split-screen, permette di correre una gara contro un proprio amico o, in alternativa, in co-op, impersonando due atleti della stessa squadra. A tutto ciò si aggiungono l’editor, buono per modificare i nomi di ciclisti e squadre senza licenza, e il ritorno delle sfide, costituite da alcune delle discese più dure estratte dalle varie tappe e da completare entro un tempo massimo.

 L’obiettivo principale della maggior parte delle gare è quello di preservare la resistenza in almeno tre corridori fino all’ultimo chilometro o due e poi sprint fino al traguardo. I tuoi piloti recupereranno anche energia limitata tra le varie fasi, quindi un giocatore dovrà mantenere strategie a breve, medio e lungo termine.

Tienilo a mente tutte le volte che ti infastidisci furiosamente e poi ti chiedi perché non puoi vincere un tour. Affidarti costantemente ad altre squadre per proteggerti dal vento li spingerà a fermarti attivamente dallo scivolamento, quindi dovrai bilanciare il dare. I giocatori possono avanzare velocemente attraverso le gare se hanno voglia di riposare o di avere una eruzione da sella, ma ho scoperto che spesso le cose sono andate in Pete Tong durante questi casi. Invece, istruire l’IA per “proteggerti” e tenere Quadrato (X su Xbox) per rimanere nella sua scia. Ci sono altri eventi che si basano su una frenata e una curva competente combinate con un abuso giudizioso del tuo glicogeno. Questi brevi sprint offrono una bella pausa durante i tour estenuanti, ma questo gasbag dei giochi li ha trovati l’evento meno soddisfacente a causa del battipalo su una pista vuota. Ci possono essere oltre un centinaio di piloti ufficiali sullo schermo in qualsiasi momento, con centinaia di fan che seguono visibilmente il percorso. La folla invaderà anche la strada e salterà rapidamente via da un potenziale incidente. Dettagli come questi sono belli ma sono minati da difetti più ovvi. La ripetizione di cui sopra e la scarsa qualità visiva non sono aiutate da un povero motore fisico. Arresti e urti sono in gran parte evitati in caso di difficoltà inferiori in modo molto irritante e artificiale. I giocatori e l’intelligenza artificiale sono spesso stipati così stretti che ovviamente si tagliano, le biciclette pattinano lateralmente attorno agli angoli per mantenere una scia. Ci sono così tanti distacchi per la realtà che è troppo facile essere presi fuori dal lungo momento.

In conclusione

Cyanide Studios ha avuto un compito difficile nel tradurre eventi di giorni interi in blocchi alquanto digeribili. Il Tour de France 2018  fa un lavoro decente nel catturare gli elementi strategici e la meccanica di gara, ma presenta una curva di apprendimento davvero ripida.

Scritto da Gregorio

ALTRE NEWS
Recensione Sea of Thieves Shrouded Spoils
Recensione Sea of Thieves Shrouded Spoils
(Cagliari)
-

Avrai il coraggio di scoprire che cosa ti aspetta in mare?"
Rare ha presentato mediante un nuovo trailer di lancio Shrouded Spoils, nuovo...

Recensione Just Cause 4
Recensione Just Cause 4
(Cagliari)
-

In Just Cause 4, Rico si ritrova a Solìs per aggiungere un tassello importante nella sua vita familiare, la cui quiete è stata spezzata anni or sono dall’uccisione del padre, un ricercatore che aveva lavorato ad uno strumento per il controllo degli eventi
  In Just Cause 4, Rico si ritrova a Solìs per aggiungere un tassello...

Recensione Resident Evil 2
Recensione Resident Evil 2
(Cagliari)
-

Quelle stesse strade che molti di noi ricordano ancora fervidamente, in cui l’orrore orchestrato da Hideki Kamiya prese forma nel lontano 1998.
  Il remake di Resident Evil 2 è oramai in dirittura d’arrivo. Mancano davvero...

Recensione Secret Files Il mistero di Tunguska
Recensione Secret Files Il mistero di Tunguska
(Cagliari)
-

Era l’ormai lontano 2006, quando sui nostri PC, e successivamente sulle console portatili e Wii, spuntava un punta-e-clicca generato da un mix di eventi realmente accaduti e dal gameplay parecchio influenzato da successi dell’epoca del calibro e dello sti
  Era l’ormai lontano 2006, quando sui nostri PC, e successivamente sulle...

Warhammer 40000 Mechanicus: recensione ufficiale
Warhammer 40000 Mechanicus: recensione ufficiale
(Cagliari)
-

Cosa c’è più distopico degli Adeptus Mechanicus, i protagonisti del titolo e devoti ad Omnissiah, il dio delle macchine?
  Quando noi giocatori ci mettiamo, siamo proprio delle bruttissime persone e...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati