Recensione The End of the F***ing World

(Napoli)ore 21:01:00 del 11/01/2018 - Categoria: , Cinema

Recensione The End of the F***ing World

Cinico, imperturbabile e determinato, il ragazzo orfano di madre vivrà un'evoluzione quasi toccante e inaspettata. 

The End of the F***ing World è la serie Netflix arrivata sul piccolo schermo il 5 gennaio 2018 con tutte le intenzioni di diventare un cult. Quello che salta agli occhi guardando già la prima puntata è la frattura insanabile e rabbiosa che separa i minori dagli adulti. Se state pensando a 13 Reasons why, state sbagliando di grosso: la frattura menzionata in questa serie è una cicatrice, quella di The End of the F***ing World è una ferita ancora aperta che sanguina. 

La rottura fra i due universi è sempre più evidete all’avvicinarsi al finale di stagione, quando uno dei protagonisti passa alla maggiore età.

Non sembra esser questa però la fine del mondo citata nel titolo: non si tratta di una promessa, ma di qualcosa di già avvenuto e realizzato. James ha addosso le conseguenze di un trauma personale che lo ha portato a sviluppare un istinto violento che sfoga sugli animali e che impegna nel piano dell’omicidio della sua nuova amica Alyssa, che è in fuga da un contesto familiare che non la fa sentire inclusa. Entrambi quindi cercheranno di allontanarsi da casa. Il loro sarà un viaggio di formazione violenta.

Gran parte della storia è vista dal punto di vista di James, inizialmente spinto da pulsioni violente e voglioso di sperimentare. Cinico, imperturbabile e determinato, il ragazzo orfano di madre vivrà un'evoluzione quasi toccante e inaspettata. TEOTFW ha il grande merito di mischiare humor e drama, grazie a una regia frizzante e dinamica, e una messa in scena semplice ma efficace, aiutata da una fotografia che, talvolta, lascia davvero senza parole per bellezza estetica e significato intrinseco.

Difficile trovar difetti a un prodotto che gode anche di due ottime prove attoriali, quelle dei protagonisti, e punta a raccontarti il disagio e la tristezza di una giovane coppia che decide di lottare contro il mondo che sembra riservargli solo ingiustizie. La parte centrale è magistrale, mentre sul finale perde un po' di ritmo, per poi riprendersi nell'ultima, potente sequenza. In The End of the F***ing World troverete sangue, violenza, tristezza, odio e amore; vi scorreranno davanti agli occhi immagini quasi mai banali e vi sentirete coinvolti in una storia mutevole, triste, ma anche tenera e felice. Ottima per un binge watching notturno, consigliatissima a qualsiasi tipo di spettatore. 

[video]

Scritto da Gregorio

ALTRE NEWS
Napoli Velata, recensione
Napoli Velata, recensione
(Napoli)
-

È velato anche il Cristo di Giuseppe Sanmartino, un velo che in realtà rivela il corpo, lo sottolinea, espone il cadavere, l'oscenità della morte.
Recensione Napoli Velata - Un movimento avvolgente, elegante, quasi una...

Gli Ultimi jedi merita veramente l'oblio?
Gli Ultimi jedi merita veramente l'oblio?
(Napoli)
-

Quando vidi il trailer del film al cinema, decisi che sarebbe stata la mia prossima spesa al cinema, perché presagivo che sarebbe stato grandioso…
Quando vidi il trailer del film al cinema, decisi che sarebbe stata la mia...

Ti piace Gomorra? Guarda SUBURRA! Non te ne pentirai!
Ti piace Gomorra? Guarda SUBURRA! Non te ne pentirai!
(Napoli)
-

Che ci sia Gomorra dietro Suburra è un dato di fatto (la produzione è la stessa, Cattleya, e la cosa più vicina ad uno showrunner, cioè la produttrice artistica, pure, Gina Gardini) ma è anche un’evidenza stilistica.
Che ci sia Gomorra dietro Suburra è un dato di fatto (la produzione è la stessa,...

'COME AMAZON CI SFRUTTA E CI SPREME FINO AL MIDOLLO'
'COME AMAZON CI SFRUTTA E CI SPREME FINO AL MIDOLLO'
(Napoli)
-

A parlare è uno dei 1.800 “supermagazzinieri” del centro di smistamento Amazon di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, uno dei più grandi d’Europa.
“AD AMAZON SOPRAVVIVI AL MASSIMO 4-5 ANNI. L’AZIENDA TI SPREME FINO A QUANDO LE...

Cinema italiano drogato: POLITICHE EDITORIALI DITTATORIALI
Cinema italiano drogato: POLITICHE EDITORIALI DITTATORIALI
(Napoli)
-

Aridàteci Checco Zalone (che non si chiama nemmeno così), almeno ci fa ridere, e davvero, senza declinazioni politicamente corrette, senza denuncia sociale, senza immigrati e degrado.
Aridàteci Checco Zalone (che non si chiama nemmeno così), almeno ci fa ridere, e...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati