Recensione Mars or Die

(Palermo)ore 10:37:00 del 18/07/2018 - Categoria: , Videogames

Recensione Mars or Die

Mars or Die! racconta le vicende del Vascello Interplanetario FORTITVUDO VIII, ma di eroico in questo viaggio stellare c’è ben poco, perché gli esploratori sono stati spediti allo sbaraglio solo con mezzi di fortuna e tante belle parole retoriche

“In primis l'ossigeno. Su Marte non c'è atmosfera ed anche il torace più maschio e impavido s'affoga nel vuoto e cerca ristoro. Fecchia e Pini annaspano, Freghieri, campione littorio di nuoto d'audace stirpe palombara, ha il solo fiato per dire: "Non c'è aria".

Ma un semplice “Me ne frego” sostituisce respiratori e vezzosi orpelli con cui le donnette arricchiscono il paese della sterlina e la marcia riprende. Ossigeno o no, Marte sarà conquistata.”. Arrivato nel 2006, Fascisti su Marte è un improbabile film che narra una altrettanto improbabile conquista del pianeta rosso da parte di un manipolo di camicie nere durante il 1938. La situazione si ripropone quasi identica in chiave videoludica grazie a Mars or Die!, titolo sviluppato dall’italiana 34BigThings, dove il giocatore si trova alle prese con una scalcinata spedizione indetta da un fantomatico ed illuminato duce, su un pianeta da conquistare e reclamare contro strampalati marziani, in un mix fra tower defense, action e strategia in tempo reale.

O Duce, Marte è tuo!

Mars or Die! racconta le vicende del Vascello Interplanetario FORTITVUDO VIII, ma di eroico in questo viaggio stellare c’è ben poco, perché gli esploratori sono stati spediti allo sbaraglio solo con mezzi di fortuna e tante belle parole retoriche.

Sin dalle prime battute delle nove missioni che compongono la campagna, è evidente l’intento parodistico, una riproposizione distorta e satirica delle pompose propagande del ventennio, con una rivisitazione in chiave comica dei celebri cinegiornali dell’Istituto Luce. Così tutte le “U” diventano “V”, abbondano richiami agli alieni pusillanimi e il cui destino è già scritto sulla sabbia rossa o le formule retoriche volte ad esaltare la conquista, ma che in realtà è più una missione in stile Armata Brancaleone. Anche i nomi dei due protagonisti, Berto e Lino, altro non sono che una evidente dissacrazione dell’etimologia fascista, due caricature lanciate allo sbaraglio e lasciate a sé stesse sul suolo alieno, un sinistro verso alle spedizioni in Grecia o Russia durante la Seconda Guerra Mondiale. Mars or Die! non propone nulla di realmente nuovo sotto questo punto di vista, la scrittura riesce a strappare qualche sorriso, ma si attiene a canovacci ripresi e riutilizzati numerose volte. Nonostante ciò, la chiave satirica è sicuramente uno degli aspetti meglio riusciti e i ritmi scanzonati sono sostenuti da una colonna sonora in levare e da una veste grafica che non si prende mai troppo sul serio, a partire dalle istruzioni delle missioni, con uno stile verboso molto vicino a quello del ventennio, e dall’art design degli strampalati personaggi e delle strutture.

Il gioco non si limita a far "seminare" torrette automatiche come se non ci fosse un domani. I nostri esploratori infatti non hanno risorse infinite di partenza, ed è per questo motivo che nel menù di costruzione è presente una struttura che prende il nome di "Estrattore". L'estrattore permette di poter guadagnare risorse direttamente sul campo, andando per l'appunto ad estrarre particolari cristalli che sorgono sulla mappa di gioco.

Perché un estrattore funzioni ha necessità di elettricità, quindi si dovrà costruire nelle immediate vicinanza non solo di un deposito di cristalli, ma anche di pannelli solari. La costruzione dell'avamposto si fa così davvero molto tattica, con la necessità di saper difendere strenuamente i punti più nevralgici per la raccolta delle risorse, consapevoli che permettere tali strutture potrebbe inevitabilmente impedirci di ottenere risorse e quindi difendere attivamente, e con successo, la nostra base.

A complicare la vita (credevate davvero fosse così facile?!) del giocatore sono alcuni aspetti inseriti all'interno del gioco, quali la carenza d'ossigeno ed il sistema di puntamento. L'esploratore, all'interno di una tuta provvista di bombola d'ossigeno, non ha una riserva infinita di O2, il che lo spinge a dover costruire alcuni serbatoi di ossigeno per la base. Per ricaricare la propria bombola e ripristinare così l'autonomia del personaggio, basta avvicinarsi a questi serbatoi ed attendere una manciata di secondi. Viene da sé pensare che la difesa di questi serbatoi, per quanto possano essere costruiti agilmente al netto di qualche risorsa, è di vitale importanza. Il problema maggiore proviene invece dal sistema di puntamento. Se il menù di costruzione è davvero molto semplice ed intuitivo, lo stesso non si può dire del sistema di puntamento e di direzione. Usare la pistola non è affatto complicato, questo perché a differenza del movimento (dove voltare la visuale dell'alieno non si traduce solo in un movimento del mouse, ma dal premere alcuni determinati pulsanti sulla tastiera) basterà muovere il mouse e cliccare il tasto sinistro. La difficoltà sorge quando si intuisce la velocità di movimento sul campo degli alieni e l'assenza di un puntamento automatico che ci possa aiutare a sparargli in tutta tranquillità. Centrare con i proiettili della pistola gli alieni è quindi davvero molto complesso, il che rende importante per l'ennesima volta la struttura della base. Fare affidamento solo alla pistola, provvista tra l'altro di un rateo di fuoco piuttosto lento ed un tempo di ricarica abbastanza lungo, significa consegnarsi al gameover.

DIETRO ALL'IRONIA UN GRAN LAVORO

Mars or Die! si mostra da subito particolarmente ironico, con uno stile di narrazione che prende evidentemente in giro il sistema gerarchico a cui sottostanno i nostri esploratori. Una narrazione che proprio per il suo tratto ironico risulta frizzante, interessante, sebbene chiaramente posta in secondo piano da un gameplay che non mira a raccontare una storia, ma a far divertire i giocatori con sessioni più o meno lunghe di costruzione/difesa degli avamposti. Il lavoro di 34BigThings si può soprattutto notare nella cura dei dettagli, con una grafica semplice ma ben curata. Certo, c'è da dire che gli scenari di gioco non sono poi così variegati al loro interno, ma forse da un pianeta come Marte questo ci si sarebbe potuto aspettare. Lo stesso comparto sonoro è molto rifinito, capace di stuzzicare l'attenzione e tratteggiare ancora una volta la nota scherzosa, ed ironica, che anima evidentemente il gioco. Tecnicamente parlando, il gioco gira molto bene su computer con sistemi anche più datati, mostrando una certa stabilità anche nei momenti più frenetici, quando gli alieni in contemporanea sono tantissimi ed il fuoco delle nostre torrette si incrocia a dismisura.

Scritto da Gerardo

ALTRE NEWS
Ashen: recensione anteprima
Ashen: recensione anteprima
(Palermo)
-

Parliamo naturalmente dei titoli soulslike, un branchia degli action RPG che, complice il lancio originale di Demon’s Souls solo su PS3 e dell’acclamato Bloodborne come esclusiva PS4, è spesso e volentieri identificato con PlayStation, anche per la sua id
  Quello che è quasi diventato un genere a se stante, con criteri ormai...

Recensione Beyond Good & Evil 2
Recensione Beyond Good & Evil 2
(Palermo)
-

Dopo un tormentato percorso, quella che è una serie già ampiamente tormentata di suo sta per vedere un tanto desiderato e sognato secondo capitolo con il prequel Beyond Good & Evil 2.
  Dopo un tormentato percorso, quella che è una serie già ampiamente tormentata...

Anteprima Ancestors The Mankind Odyssey
Anteprima Ancestors The Mankind Odyssey
(Palermo)
-

A più di un anno dal suo annuncio, i The Game Awards del 2018 hanno portato con sé nuovo materiale per Ancestors: The Mankind Odyssey, nuovo titolo di Patrice Desilets, creatore di Assassin’s Creed, e del suo studio Panache Digital Games.
  A più di un anno dal suo annuncio, i The Game Awards del 2018 hanno portato...

Recensione Okunoka
Recensione Okunoka
(Palermo)
-

La storia di Okunoka ci viene narrata attraverso gradevoli illustrazioni che ci mostrano come il pacifico mondo degli spiriti venga messo a soqquadro dal malvagio Os, intenzionato a trasformare i benevoli spiriti in macchine.
  Da qualche anno a questa parte, abbiamo visto aumentare a dismisura il numero...

The Outer Worlds: recensione
The Outer Worlds: recensione
(Palermo)
-

Il comparto tecnico è stato affidato all’ormai affidabile Unreal Engine 4, il cui utilizzo era stato già al centro di rumor e aveva dato l’impressione di una produzione più avanzata tecnologicamente rispetto alle ultime release dello studio californiano.
  The Outer Worlds porta la firma dei director dei Fallout originali, Tim Cain...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati