Ragusa: le parole di Panarello davanti alla lapide del figlio!

RAGUSA ore 22:43:00 del 09/08/2015 - Categoria: Cronaca - Veronica panarello

Ragusa: le parole di Panarello davanti alla lapide del figlio!

Ragusa: le parole di Panarello davanti alla lapide del figlio!“Lo scoprirò chi è stato”. Sono queste le parole che Veronica Panarello pronuncia davanti la tomba del figlio Loris Stival, nel cimitero di Santa Croce Camerina, provincia di Ragusa.

“Lo scoprirò chi è stato”. Sono queste le parole che Veronica Panarello pronuncia davanti la tomba del figlio Loris Stival, nel cimitero di Santa Croce Camerina, provincia di Ragusa.

La donna è accusata di aver strangolato con delle fascette il figlio di 8 anni lo scorso 29 novembre e di averlo gettato in un canale di scolo dove venne ritrovato il cadavere. Per questo è in carcere dallo scorso 9 dicembre, da dove ha sempre giurato la sua innocenza. Oggi è stata quasi un’ora davanti la lapide parlando sottovoce e piangendo. Ha deposto un mazzo di fiori, girasoli gialli e rose rosse, che le aveva portato suo padre, Francesco Panarello.

Scortata dalla polizia, la 25enne è arrivata alle 17.22, dopo che un nubifragio si è abbattuto sulla zona, dentro un furgone della polizia penitenziaria in un cimitero ‘blindato’ fin dalla mattina dalle forze dell’ordine per evitare l’assalto di giornalisti e fotografi. La Panarello è sola, i suoi familiari non si sono presentati. Parla sottovoce e piange davanti alla tomba. Poi urla: “Lo scoprirò chi è stato…”. “E’ stato un momento di grande dolore”, dice il suo avvocato Francesco Villardita che le è stato alcuni minuti accanto per sorreggerla.

Veronica Panarello è potuta uscire dal carcere di Agrigento grazie a un permesso del gip di Ragusa, su parere positivo del procuratore Carmelo Petralia, ma con molte limitazioni: divieto assoluto di contatto con chiunque, tranne che con il suo legale, e i suoi familiari, che non si sono presentati.

La donna si è sempre proclamata innocente, anche dopo che il marito, Davide Stival, ne ha preso le distanze. Al centro dell’inchiesta, la ricostruzione del giorno della scomparsa di Loris: Veronica Panarello ha sempre detto di averlo accompagnato a scuola, ma le riprese delle telecamere posizionate vicino casa e all’istituto, visionate da polizia di Stato, squadra mobile e carabinieri, sembrano smentirla. Al centro del procedimento, avviato dalla Procura di Ragusa, ci sono quelle che i pm definiscono “le bugie di Veronica”.

Scritto da Gerardo

ALTRE NEWS
Macellai costretti a subire minacce e vandalismi dai VEGANI
Macellai costretti a subire minacce e vandalismi dai VEGANI

-

Dalla Francia all'Inghilterra si diffonde la propaganda vegana che incita i ''seguaci'' ad agire con intimidazioni, minacce e vandalismi a onesti lavoratori
Dalla Francia all'Inghilterra si diffonde la propaganda vegana che incita i...

MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno
MIC: ecco la carta che ti da' accesso ai MUSEI DI ROMA gratis per 1 anno

-

“Una rivoluzione nell’approccio libero alla cultura”, dicono dal Campidoglio e un chiaro segno di un’apertura nei confronti di residenti e studenti.
Costa 5 euro e a partire da oggi darà accesso gratuito per 12 mesi alle gallerie...

Arrestato l'uomo che Renzi voleva come GIUDICE del CONSIGLIO DI STATO!
Arrestato l'uomo che Renzi voleva come GIUDICE del CONSIGLIO DI STATO!

-

Quando l' ex presidente del consiglio Matteo Renzi propose Giuseppe Mineo come giudice del Consiglio di Stato, ossia il massimo organo della giustizia amministrativa, si crearono non pochi imbarazzi
TINTINNIO DI MANETTE – ARRESTATO A MESSINA GIUSEPPE MINEO, L’UOMO CHE RENZI...

Respingere i barconi? La risposta UMANA alla crisi dei migranti
Respingere i barconi? La risposta UMANA alla crisi dei migranti

-

Le fotografie di bambini in gabbia nei centri di migrazione statunitensi, evidentemente separati dai genitori con cui erano entrati illegalmente nel paese, non danno una buona immagine dell’amministrazione Trump
Le fotografie di bambini in gabbia nei centri di migrazione statunitensi,...

Austria: espulsi 60 IMAM e bloccate 7 MOSCHEE
Austria: espulsi 60 IMAM e bloccate 7 MOSCHEE

-

Buona iniziativa del governo austriaco per contrastare la conquista islamica, ma purtroppo nel resto d'Europa i governi sonnecchiano colpevolmente
L'AUSTRIA ESPELLE 60 IMAM E BLOCCA 7 MOSCHEE Buona iniziativa del governo...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati