Lavoro: ecco la busta paga della bracciante morta in Puglia!

FOGGIA ore 17:41:00 del 06/09/2015 - Categoria: Cronaca - Lavoro

Lavoro: ecco la busta paga della bracciante morta in Puglia!

Lavoro: ecco la busta paga della bracciante morta in Puglia!Secondo i sindacati Paola Clemente, la bracciante agricola 49enne morta il 13 luglio scorso nelle campagne di Andria, in Puglia, non era regolare.

Secondo i sindacati Paola Clemente, la bracciante agricola 49enne morta il 13 luglio scorso nelle campagne di Andria, in Puglia, non era regolare. Una busta paga apparsa oggi sulle pagine de Il Corriere della Sera e dalla quale si evince che la bracciante guadagnava per il suo lavoro 27 euro al giorno. E cioè circa la metà, dicono i sindacati, di quanto avrebbe dovuto percepire per il lavoro che stava svolgendo. “Per il cosiddetto acinino dell’uva la paga è di 49 euro”, ha infatti detto Giuseppe Deleonardis, segretario Flai Cgil Puglia. A chiedere spiegazioni è il marito di Paola Clemente, Stefano Arcuri. “Tra i mille interrogativi che mi pongo e ai quali non riesco a dare risposta – così l’uomo – ritengo che sia un’assurdità, nel 2015, morire sul posto di lavoro per guadagnare a malapena 27 euro al giorno”. Far luce su come ciò sia stato possibile è la richiesta che il marito della bracciante pone al procuratore del tribunale di Trani. Come ricostruisce il Corriere, la busta paga di dieci mesi fa era a carico dell’agenzia per il lavoro Quanta ma quando la bracciante è morta lavorava per Inforgroup. Intanto però vogliono vederci chiaro i sindacati: “Sollevammo il problema lo scorso 8 luglio – ha detto Deleonardis – quindi prima ancora della morte di Paola, perché diversi lavoratori, una sessantina, vantano crediti di circa 500 euro che, pur presenti in busta paga, non sono mai stati corrisposti”. Il primo settembre la Flai Cgil ha dato un ultimatum a Quanta.

Il Corriere riporta anche la replica del vice presidente di Quanta, Vincenzo Mattina, il quale ha spiegato che se devono dare qualcosa ai lavoratori sarà fatto: “Come abbiamo già fatto nel 2014 dopo le segnalazioni dell’ispettorato del lavoro: abbiamo chiesto all’Inps di normalizzare tutte le posizioni non regolari, in gran parte sottoinquadramenti dei lavoratori. Il ravvedimento, per la sola Puglia, ci è già costato 120 mila euro per la prima tranche e complessivamente ce ne costerà 400 mila”. Qualcosa, dunque, non quadra? “Sì –  ha spiegato – e ne avemmo la percezione nel 2013, due anni dopo la nostra decisione di entrare nel settore agricolo, prevalentemente in Puglia ma anche in Sicilia e Lazio. Inviammo subito tre persone da Milano a Rutigliano e alla fine del nostro screening, due dipendenti, denunciati anche per concorrenza sleale perché avevano preso contati con altre agenzie, andarono a casa”.

Scritto da Gerardo

ALTRE NEWS
Bossetti innocente? Guarda questo VIDEO
Bossetti innocente? Guarda questo VIDEO

-

Ergastolo per Massimo Bossetti: la giusta conclusione di una tragedia o il più grande errore giudiziario degli ultimi tempi?
Ergastolo per Massimo Bossetti: la giusta conclusione di una tragedia o il più...

La sinistra DEMOCRATICA? Bruciati manichini di SALVINI E DI MAIO - VIDEO
La sinistra DEMOCRATICA? Bruciati manichini di SALVINI E DI MAIO - VIDEO

-

Studenti in piazza bruciano i manichini di Salvini e Di Maio
Torna l’autunno e tornano le mobilitazioni studentesche (di...

Confiscato tesoro da 600mila euro a don Euro: il prete aveva anche auto e diamanti
Confiscato tesoro da 600mila euro a don Euro: il prete aveva anche auto e diamanti

-

Il sacerdote aveva accumulato un vero e proprio tesoro con truffe al vescovo e ai fedeli, spendendone una gran parte in festini e beni di lusso.
Se era stato soprannominato "Don Euro" un motivo c'è, e l'hanno potuto...

In centro Italia è atteso un terremoto importante. VIDEO
In centro Italia è atteso un terremoto importante. VIDEO

-

È noto, perché lo ha detto la Commissione Nazionale Grandi Rischi, che nell’area è atteso un terremoto importante
Mauro Fabris è il vicepresidente di Strada dei Parchi Spa e recentemente è stato...

La Germania ci rimanda i migranti: 'Charter per riportarli in Italia'
La Germania ci rimanda i migranti: 'Charter per riportarli in Italia'

-

Angela Merkel accelera e ci rimanda indietro i richiedenti asilo. Sarebbero già previste due date, comunicate agli stranieri con una lettera: il 9 e il 19 ottobre due voli charter
Angela Merkel accelera e ci rimanda indietro i richiedenti asilo. Sarebbero già...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati