Jobs Act riforma: ecco perche’ il lavoro non ci sara’ lo stesso

FORLI' (Forli Cesena)ore 15:07:00 del 27/02/2015 - Categoria: Economia, Lavoro, Politica

Jobs Act riforma: ecco perche’ il lavoro non ci sara’ lo stesso

Jobs Act riforma: ecco perche’ il lavoro non ci sara’ lo stesso. Critica alla riforma-Renzi

Cosa cambia dopo i decreti attuativi del Jobs act approvati dal governo? Teniamo ben presente un punto: non è il sistema normativo sul lavoro a bloccare le assunzioni, a qualsiasi titolo esse avvengano, ma semmai l’elevata pressione sia fiscale che contributiva alle quali le aziende sono soggette. Un livello di tassazione che rende difficile programmare oltre il breve termine.

Proviamo comunque a fare un po’ di ordine fra i diversi aspetti introdotti dalla riforma. Sono presenti delle disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti che prevedono l’applicazione del contratto a tutele crescenti ai lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato e i licenziamenti collettivi e stabilisce che per “le piccole imprese la reintegra resta solo per i casi di licenziamenti nulli e discriminatori e intimati in forma orale. Negli altri casi di licenziamenti ingiustificati è prevista un’indennità crescente di una mensilità per anno di servizio con un minimo di 2 e un massimo di 24 mensilità (6 per le piccole aziende)”.

Altre disposizioni riguardano il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di occupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati che introduce la Naspi, ossia la nuova assicurazione sociale per l’impiego, l’Asdi (l’assegno di disoccupazione riconosciuto a chi non ha trovato impiego e la Naspi è scaduta), l’indennità di disoccupazione Dis-Col (per i collaboratori). Testo organico semplificato delle tipologie contrattuali e revisione della disciplina delle mansioni in cui vengono eliminati i contratti di collaborazione a progetto (co.co.pro e co.co.co.) e vengono invece confermate queste tipologie: Contratto di somministrazione, Contratto a chiamata, Lavoro accessorio (voucher), Apprendistato, Part-time, Mansioni.

Sono altresì presenti delle disposizioni in materia di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (esame ancora in via preliminare), che riguarda la maternità. Ricapitolando: Il contratto a tutele crescenti – Tutti i nuovi dipendenti di un’azienda saranno assunti con il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, tutele che cioè cresceranno in relazione all’anzianità di servizio. Nelle intenzioni questa modalità di assunzione dovrebbe andare a rimpiazzare tutti i tipi di contratti atipici. L’articolo 18 –  I lavoratori lasciati a casa ingiustamente da un’impresa avranno minori chance di essere reintegrati al loro posto, anche quando fanno ricorso in tribunale contro l’azienda e ottengono una sentenza favorevole del giudice. Prevista, nella maggioranza dei casi, un’indennità sostitutiva.

Mansioni flessibili – Sarà più semplice far passare il lavoratore da una mansione all’altra, compreso il cosiddetto demansionamento, in caso di riorganizzazione, ristrutturazione o conversione aziendale. Il demansionamento introduce per la prima volta la possibilità di far decrescere professionalmente una risorsa all’interno dell’azienda. Riforma Aspi (indennità di disoccupazione) – Il vecchio sussidio di disoccupazione sarà rapportato a quanti contributi il lavoratore ha versato. Chi ha pagato più contributi avrà diritto a una maggior durata dell’Aspi, anche oltre ai 18 mesi massimi fissati fino a ora. L’Aspi sarà esteso anche ai collaboratori, almeno finché queste figure professionali non saranno definitivamente cancellate dal contratto a tutele crescenti. Per chi si troverà nelle situazione più difficili, potrebbe essere introdotto un “secondo Aspi”. Riforma Cig (Cassa integrazione in deroga) – Non si potrà più autorizzare la Cig in caso di cessazione definitiva di attività aziendale. Ci saranno nuovi limiti per la durata sia della cassa integrazione ordinaria (che ora è di due anni) che per quella straordinaria (che è di quattro). L’obiettivo è di assicurare un sistema di garanzia universale per tutti i lavoratori con tutele uniformi e legate alla storia contributiva del lavoratore. Tutela della maternità – Sarà estesa anche alle lavoratrici che non sono assunte con contratto a tempo indeterminato. Poco chiara la modalità in quanto si parla dell’utilizzo di “contratti di solidarietà attivi” che dovrebbero permettere a tutti di conciliare meglio i tempi di lavoro e di vita. Agenzia per l’occupazione – Sarà costituita un’agenzia nazionale per il lavoro, che nelle speranze del governo dovrebbe funzionare come nel modello tedesco, e che dovrebbe farsi carico di conciliare domanda e offerta così come istituito dalle regole di mercato. Perchè il lavoro è un mercato.

Scritto da Gerardo

ALTRE NEWS
Social Card INPS 2018 per disoccupati: REQUISITI E COME FARE DOMANDA
Social Card INPS 2018 per disoccupati: REQUISITI E COME FARE DOMANDA
(Forli Cesena)
-

Come fare per richiedere la Social Card INPS 2018? Vediamo nel dettaglio di capire come funziona, chi può fare richiesta ed entro quali termini.
La Social Card INPS permette alle famiglie e alle persone che ne hanno bisogno,...

Entro 15 anni sparira' 1 mestiere su 2
Entro 15 anni sparira' 1 mestiere su 2
(Forli Cesena)
-

Il lavoro di oggi? Sparirà. E quello di domani sarà diverso, gestito in tandem con le macchine. Sta cambiando tutto alla velocità della luce, ma nessuno ce lo sta dicendo: né la politica, né i media, né tantomeno la scuola.
Il lavoro di oggi? Sparirà. E quello di domani sarà diverso, gestito in tandem...

Fusione Bayer-Monsanto: l'INFERNO che attende il mondo
Fusione Bayer-Monsanto: l'INFERNO che attende il mondo
(Forli Cesena)
-

In che universo è possibile che a due delle corporations mondiali più moralmente corrotte, Bayer e Monsanto, venga permesso di unire le forze, in quello che promette di essere il prossimo stadio nell’acquisizione delle risorse agricole e farmaceutiche del
In che universo è possibile che a due delle corporations mondiali più moralmente...

Vitalizi in Sicilia? 18 milioni l'anno. E li incassano gli eredi degli ex deputati
Vitalizi in Sicilia? 18 milioni l'anno. E li incassano gli eredi degli ex deputati
(Forli Cesena)
-

Dopo la Camera dei deputati anche l’Assemblea regionale siciliana. Il Movimento 5 stelle ha presentato una proposta di delibera all’ufficio di presidenza per tagliare i vitalizi sull’isola.
Dove per la verità erano stati aboliti già nel 2012, quando i deputati regionali...

LIBERARCI DALL'EURO...o siamo condannati all'Austerita'
LIBERARCI DALL'EURO...o siamo condannati all'Austerita'
(Forli Cesena)
-

M5S e Lega hanno vinto le elezioni dicendo basta all’austerità e proponendo 130 miliardi di spese per reddito di cittadinanza e flat tax.
M5S e Lega hanno vinto le elezioni dicendo basta all’austerità e proponendo 130...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati