Il consulente per la sicurezza nazionale USA? Appoggia i terroristi!

(Roma)ore 17:05:00 del 09/04/2018 - Categoria: , Denunce, Esteri

Il consulente per la sicurezza nazionale USA? Appoggia i terroristi!

La cosa peggiore era che l’organizzazione terroristica per cui Bolton aveva esercitato pressioni era stata elencata nell’elenco delle organizzazioni terroristiche straniere del Dipartimento di Stato americano durante le sue attività di lobby – in diretta

Parlare sulla mossa del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di nominare John Bolton come il suo nuovo consigliere per la sicurezza nazionale, sembra che questi si è concentrato sul ruolo di Bolton nel promuovere l’invasione irachena del 2003 guidata dall’Iraq e il profondo contrasto che il suo incarico indica alla luce delle promesse elettorali del presidente Trump di prosciugare la palude.”

Tuttavia, l’incarico di Bolton porta con sé maggiori implicazioni sia per coloro che apparentemente lo criticano sia per coloro che cercano di promuoverlo. Bolton ha – per anni – esercitato pressioni per un’organizzazione terroristica colpevole di rapimento e uccisione sia di membri del servizio degli Stati Uniti che di appaltatori civili statunitensi, insieme a un numero incalcolabile di civili e politici iraniani in una campagna di terrore che si è protratta per diversi decenni e continua oggi.

La cosa peggiore era che l’organizzazione terroristica per cui Bolton aveva esercitato pressioni era stata elencata nell’elenco delle organizzazioni terroristiche straniere del Dipartimento di Stato americano durante le sue attività di lobby – in diretta violazione delle leggi antiterrorismo statunitensi.

Tale organizzazione – Mujahedin-e Khalq (MEK) e il suo fronte politico, il Consiglio nazionale della resistenza iraniana (CNRI) – è stata delistata dal 2012. Tuttavia, l’organizzazione è stata delistata non perché ha completamente abbandonato il terrorismo armato, ma perché gli Stati Uniti hanno programmato almeno sin dal 2009 – secondo i documenti politici di Washington – di usare il MEK come proxy armati contro la nazione dell’Iran.

I MEK sono terroristi, anche secondo i loro sponsor statunitensi

Nonostante le affermazioni di un crescente esercito di sostenitori del MEK che abbracciano varie piattaforme di social media, il MEK è senza dubbio una pericolosa organizzazione terroristica. Anche quelli che cercano di sponsorizzare il MEK come un rappresentante militante contro l’Iran lo hanno ammesso.

Nel documento politico 2009 della Brookings Institution, ” Which Path to Persia? Opzioni per una nuova strategia americana verso l’Iran , “I politici statunitensi hanno apertamente ammesso la candidatura di MEK come proxy degli Stati Uniti (enfasi aggiunta):

Forse il gruppo di opposizione più importante (e certamente il più controverso) che ha attirato l’attenzione come potenziale delegato statunitense è l’NCRI (Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana), il movimento politico istituito dal MEK (Mujahedin-e Khalq). I critici ritengono che il gruppo sia antidemocratico e impopolare, e in effetti anti-americano.

Al contrario, i campioni del gruppo sostengono che l’opposizione di lunga data del movimento al regime iraniano e il record di attacchi di successo e di operazioni di raccolta di intelligence contro il regime rendono meritevole il sostegno degli Stati Uniti. Sostengono inoltre che il gruppo non è più anti-americano e mette in discussione il merito delle precedenti accuse. Raymond Tanter, uno dei sostenitori del gruppo negli Stati Uniti, sostiene che il MEK e l’NCRI sono alleati per il cambio di regime a Teheran e fungono anche da utile proxy per la raccolta di informazioni . Il maggior colpo di intelligence del MEK fu la fornitura di informazioni nel 2002 che portò alla scoperta di un sito segreto in Iran per l’arricchimento dell’uranio.

I politici di Brookings hanno anche riconosciuto apertamente che il MEK era senza dubbio un’organizzazione terroristica (enfasi aggiunta):

Nonostante le affermazioni dei suoi difensori, il MEK rimane nella lista del governo degli Stati Uniti di organizzazioni terroristiche straniere. Negli anni ’70, il gruppo ha ucciso tre ufficiali statunitensi e tre appaltatori civili in Iran. Durante la crisi degli ostaggi del 1979-1980, il gruppo ha elogiato la decisione di prendere in ostaggio gli Stati Uniti ed Elaine Sciolino ha riferito che mentre i leader di gruppo hanno condannato pubblicamente gli attacchi dell’11 settembre, all’interno del gruppo le celebrazioni erano molto diffuse. Innegabilmente, il gruppo ha condotto attacchi terroristici, spesso scusati dagli avvocati del MEK perché diretti contro il governo iraniano.

Ad esempio, nel 1981, il gruppo bombardò il quartier generale del Partito della Repubblica Islamica, che era allora la principale organizzazione politica della leadership clericale, uccidendo circa 70 alti funzionari. Più recentemente, il gruppo ha rivendicato crediti per oltre una dozzina di attacchi con mortai, assassini e altri assalti a obiettivi civili e militari iraniani tra il 1998 e il 2001. Per lo meno, per lavorare più a stretto contatto con il gruppo (almeno in modo palese ), Washington avrebbe bisogno di rimuoverlo dalla lista delle organizzazioni terroristiche straniere “.

Va notato che la menzione di Brookings a MEK è stata fatta sotto un capitolo intitolato “ISPIRANDO UN’INSORGENZA a sostegno dei gruppi di opposizione e minoranze iraniane”, indicando che i gruppi presi in considerazione per la sponsorizzazione degli Stati Uniti sarebbero indubbiamente armati e condurrebbero una campagna di violenza – se non il terrorismo, quindi in modo simile a come le operazioni militari su vasta scala di simili gruppi militanti sponsorizzati dagli Stati Uniti si sono svolte in Siria.

La raccomandazione di Brookings che il MEK venga rimosso “dalla lista delle organizzazioni terroristiche straniere” alla fine sarà pienamente realizzata entro il 2012, guidato da lobbisti guidati da eminenti politici e politici statunitensi tra cui il consigliere della sicurezza nazionale John Bolton.

Decenni di terrorismo di MEK e il suo futuro terrorismo

Il MEK ha compiuto decenni di brutali attacchi terroristici, assassinii e spionaggio contro il governo iraniano e il suo popolo, e ha preso di mira gli americani tra cui il tentato rapimento dell’ambasciatore statunitense Douglas MacArthur II , il tentato omicidio del generale di brigata USAF Harold Price , il successo l’assassinio del tenente colonnello Louis Lee Hawkins , i doppi omicidi del colonnello Paul Shaffer e del tenente colonnello Jack Turner , e l’agguato e l’uccisione di impiegati americani Rockwell International William Cottrell, Donald Smith e Robert Krongard.

L’ammissione alla morte dei dipendenti di Rockwell International può essere trovata in un rapporto del 2011 redatto dall’ex funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e Lincoln Bloomfield Jr. per conto di un’altra società di lobbying – Akin Gump – nel tentativo di respingere le preoccupazioni per la violenza del  MEKin  passato e come si collega alla sua attuale campagna di terrore armato.

[foto2]

Il rapporto dovrebbe indicare:

Il documento del Country Reports on Terrorism 2009 del Dipartimento di Stato afferma che il MEK ha ucciso il vice capo della missione militare statunitense a Teheran nel 1973, due membri del gruppo di consulenza militare statunitense nel 1975 e due dipendenti di Rockwell International nel 1976, e che ha rivendicato la responsabilità di aver ucciso un dirigente americano di Texaco nel 1979.

Il passato violento del terrorismo armato del MEK, unito alle ammissioni degli Stati Uniti che cerca di usare il MEK come un rappresentante armato contro l’Iran, mette in discussione la decisione del Dipartimento di Stato americano

Riguardo a tale decisione, la dichiarazione del 2012 del Dipartimento di Stato americano intitolata ” Delisting of the Mujahedin-e Khalq ” avrebbe reclamato:

Con le azioni di oggi, il Dipartimento non trascura o dimentica i passati atti terroristici del MEK, incluso il suo coinvolgimento nell’uccisione di cittadini statunitensi in Iran negli anni ’70 e un attacco al suolo statunitense nel 1992. Il Dipartimento ha anche serie preoccupazioni riguardo al MEK come organizzazione, in particolare per quanto riguarda le accuse di abuso commesse contro i propri membri.

La decisione del Segretario ha preso oggi in considerazione la rinuncia pubblica alla violenza del MEK, l’assenza di atti confermati di terrorismo da parte del MEK per oltre un decennio e la loro cooperazione nella chiusura pacifica di Campo Ashraf, la loro storica base paramilitare.

Il Dipartimento di Stato americano ammette che l’organizzazione ha portato avanti il ​​terrorismo in passato e continua oggi con abusi nei confronti dei propri membri. E come ammettono i responsabili delle politiche statunitensi all’interno delle pagine dei documenti di Brookings, l’intera campagna volta a rimuovere la MEK è stata legittimare l’uso dell’organizzazione come un proxy militante contro l’Iran – un ruolo che sicuramente violerà la presunta “rinuncia alla violenza” del MEK e contravvenire ai motivi sui quali il MEK è stato cancellato dal Dipartimento di Stato americano come un’organizzazione terroristica.

Appoggio ai terroristi di John Bolton

Considerando l’innegabile natura terroristica del passato, del presente e dei piani ammessi di Washington per il suo futuro terrorista, il carattere problematico della difesa fatta da John Bolton per il gruppo diventa pienamente focalizzato. Ciò è particolarmente vero nel contesto del nuovo ruolo di Bolton come consigliere per la sicurezza nazionale.

Il ruolo di Bolton nel lobbismo per MEK e NCIR è stato promosso in modo più prominente dai suoi stessi sostenitori tra i media statunitensi. Per esempio, il CNS a destra – in un articolo intitolato ” Anziani statunitensi, esponenti  sauditi, tutti chiedono il rovesciamento del regime di Teheran ” ammetterebbe:

che Bolton, che ha partecipato all’annuale evento NCRI per un decennio, ha citato l’intervento militare dell’Iran in Siria, nelle manovre in Iraq, e il suo sostegno a Hamas e ai terroristi di Hezbollah e alle milizie Houthi nello Yemen.

Dal momento che il MEK è stato rimosso dalla lista delle organizzazioni terroristiche straniere del Dipartimento di Stato USA dal 2012, il CNS, la politica estera e gli sforzi di lobby dello stesso Bolton servono come prova che Bolton ha fornito supporto e servizi di lobby a quella che era un’organizzazione terroristica elencata in flagrante violazione di 18 Codice degli Stati Uniti § 2339A – fornendo supporto materiale ai terroristi .

I discorsi di Bolton che sostengono apertamente MEK prima del 2012 si trovano facilmente online. Uno pubblicato nel 2010 presenta Bolton che parla a Parigi apertamente sostenendo non solo che gli Stati Uniti rimuovono il MEK dalla sua lista di organizzazioni terroristiche straniere, ma anche facendo pressione affinché il sostegno degli Stati Uniti venga fornito a MEK e ad altri in quella che lui chiama “opposizione iraniana”. Delisting, Bolton ha continuato a partecipare agli eventi MEK ea sostenere sia il sostegno a MEK sia a chiedere apertamente il rovesciamento da parte degli Stati Uniti del governo iraniano.

Mentre alcuni hanno tentato di difendere Bolton e altri facendo pressioni per MEK sostenendo che il MEK non avrebbe potuto essere rimosso dalla lista del Dipartimento di Stato anche se non fosse più una minaccia per gli Stati Uniti senza l’aiuto di lobbying – si dovrebbe ricordare che il lavoro di l’aggiunta o la rimozione di organizzazioni terroristiche dalla lista del Dipartimento di Stato è responsabilità del Bureau of Counterterrorism nel Dipartimento di Stato – non dei lobbisti politici.

Lo stesso Dipartimento di Stato osserva sul proprio sito Web che:

Il Bureau of Counterterrorism nel Dipartimento di Stato (CT) monitora continuamente le attività dei gruppi terroristici attivi in ​​tutto il mondo per identificare potenziali bersagli per la designazione. Quando esamina i potenziali obiettivi, la CT non guarda solo agli attacchi terroristici che un gruppo ha compiuto, ma anche al fatto che il gruppo si sia impegnato nella pianificazione e nella preparazione di possibili atti futuri di terrorismo o mantenga la capacità e l’intenzione di compiere tali atti .

Chiaramente, tuttavia, la presenza di immense campagne di lobbying come quelle condotte da Bolton per conto di MEK indica che l’elenco del Dipartimento di Stato è dettato da motivazioni politiche, denaro e pressioni, non da analisi indipendenti fornite dai professionisti statunitensi della sicurezza e dell’intelligence negli Stati Uniti. Dipartimento di Stato o altrove all’interno del governo degli Stati Uniti.

Inoltre, è chiaro dai criteri del Dipartimento di Stato americano che il MEK è ancora un’organizzazione terroristica straniera. Secondo i propri criteri, qualsiasi organizzazione che stia pianificando o preparando per eventuali futuri atti di terrorismo, deve essere inclusa nell’elenco. I politici statunitensi e persino lo stesso John Bolton hanno dichiarato apertamente che il MEK sarà usato come un rappresentante armato contro l’Iran.

Un collaboratore dei terroristi che si occupa della sicurezza nazionale degli Stati Uniti

Un consulente per la sicurezza nazionale apertamente colpevole di violare le leggi antiterrorismo degli Stati Uniti che hanno fornito sostegno materiale a un’organizzazione terroristica straniera del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti da anni illustra come le istituzioni statunitensi profondamente compromesse siano e rifletta un’agenda che non solo serve esclusivamente interessi speciali – ma lo fa a costo della sicurezza attuale del popolo americano.

La posizione di consigliere per la sicurezza nazionale – ufficialmente nota come “l’assistente del presidente per gli affari di sicurezza nazionale” – è descritta dal sito web ufficiale della Casa Bianca negli Stati Uniti come parte del Consiglio di sicurezza nazionale come segue :

Il Consiglio di sicurezza nazionale (NSC) è il principale forum del Presidente per valutare la sicurezza nazionale e le questioni di politica estera con i suoi alti consulenti di sicurezza nazionale e funzionari di gabinetto. Fin dalla sua istituzione sotto il presidente Truman, la funzione del Consiglio è stata quella di fornire consulenza e assistenza al Presidente in materia di sicurezza nazionale e politica estera. Il Consiglio funge anche da braccio principale del Presidente per il coordinamento di queste politiche tra varie agenzie governative.

Un Consiglio di sicurezza nazionale che include lobbisti che rappresentano organizzazioni terroristiche con sangue americano sulle loro mani costituisce non solo una terribile minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ma anche la sicurezza globale.

I terroristi del MEK sostenuti da una nazione in possesso di armi nucleari e una storia di provocare guerre attraverso prove prefabbricate e incidenti scenici assicurano che la politica estera americana continui a perseguire guerre distruttive all’estero a costo del tesoro e del sangue degli Stati Uniti e delle risorse e delle vite degli Stati Uniti imposta la sua aggressione militare industrializzata.

John Bolton – tuttavia – non è l’architetto della politica che ha sostenuto per oltre un decennio. Sta semplicemente realizzando ciò che gli stessi responsabili delle politiche statunitensi si sono dati da sole nelle pagine dei documenti politici statunitensi. Questi politici – a loro volta – sono finanziati da produttori di armi americani, conglomerati energetici, istituzioni finanziarie e altri immensi interessi speciali di società finanziarie.

La Brookings Institution il cui documento del 2009, “Quale strada per la Persia?” Enunciava alla lettera i passi che Bolton ha intrapreso con i suoi sforzi di lobbying, ha una lunga lista di interessi finanziari e finanziari che sottoscrivono e dirigono il suo lavoro.

Mentre esporre la complicità di John Bolton nel supporto materiale di egregi terroristi e nei suoi sforzi per usarli come proclami armati contro l’Iran in una guerra che ha tentato di promuovere e istigare per anni è importante, è altrettanto importante esporre, affrontare, isolare e estinguere l’influenza degli interessi dei corporate-finanzieri che hanno sottoscritto e diretto gli sforzi di Bolton e gli sforzi di innumerevoli altri che lavorano per trascinare gli Stati Uniti, i loro alleati e il resto del pianeta in un altro conflitto distruttivo. Comprendere gli sforzi per rimuovere MEK da le liste delle organizzazioni terroristiche straniere del Dipartimento di Stato americano e prepararle per il loro ruolo di procuratori armati contro l’Iran hanno trasceso le amministrazioni di George Bush, Barack Obama,e ora Donald Trump espone la continuità del programmaa prescindere da chi occupa la Casa Bianca o il Congresso degli Stati Uniti – avanzato da questi interessi imprenditoriali-finanziari non eletti.

Da: QUI

Scritto da Gregorio

ALTRE NEWS
Assumi italiani a lavorare nei parchi? La Lombardia ti premia, la sinistra grida al razzismo!
Assumi italiani a lavorare nei parchi? La Lombardia ti premia, la sinistra grida al razzismo!
(Roma)
-

Assumi italiani per pulire i parchi? La Lombardia ti premia. E la sinistra grida al razzismo
Comune avvisato, mezzo salvato. Sì, perché la Regione Lombardia ha deciso di...

10 cose che non ti hanno MAI DETTO su Gheddafi
10 cose che non ti hanno MAI DETTO su Gheddafi
(Roma)
-

Che cosa pensi quando senti il nome del Colonnello Gheddafi? Un tiranno? Un dittatore?
Per 41 anni, fino alla sua morte, nell’Ottobre del 2011, Muammar Gheddafi ha...

Gli effetti della CRISI GRECA? HIV, DISTURBI MENTALI E SUICIDI
Gli effetti della CRISI GRECA? HIV, DISTURBI MENTALI E SUICIDI
(Roma)
-

La crisi greca esplode nel 2009: all’epoca come primo ministro si è appena insediato George Papandreou del Pasok, figlio di Andreas che risulta capo dell’esecutivo tra gli anni  Ottanta e Novanta e protagonista della vita politica successiva alla caduta d
La crisi greca esplode nel 2009: all’epoca come primo ministro si è appena...

Milioni di morti, il neoliberismo minaccia la Terra
Milioni di morti, il neoliberismo minaccia la Terra
(Roma)
-

Gli esseri umani sono creature complicate. Siamo sia cooperativi che settari. Tendiamo a essere cooperativi all’interno di gruppi (ad es. un sindacato) mentre competiamo con gruppi esterni (ad esempio, una confederazione di imprese).
Gli esseri umani sono creature complicate. Siamo sia cooperativi che settari....

Come i media coordinano attacchi ai 5 stelle
Come i media coordinano attacchi ai 5 stelle
(Roma)
-

Se oggi date un’occhiata ai siti di Repubblica e Stampa (scuderia De Benedetti ‘lo svizzero’), al sito del Corriere (capitanato da Urbano Cairo) e a quelli de Il Giornale e Libero (Berlusconi e centrodestra), noterete che contro il Movimento 5 Stelle hann
Se oggi date un’occhiata ai siti di Repubblica e Stampa (scuderia De Benedetti...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati