Guida: come sapere se i vostri figli fumano canne

NOVARA ore 22:46:00 del 30/12/2014 - Categoria: Denunce, Editoria, Sociale

Guida: come sapere se i vostri figli fumano canne

Guida: come sapere se i vostri figli fumano canne | La guida di Italiano Sveglia

I principi attivi e i prodotti della decomposizione della canapa possono essere riscontrati nell'organismo grazie ai test per verificare se una persona ha consumato droghe. Il periodo in cui è possibile riscontrare tracce di canapa varia da qualche ora a diversi mesi a seconda della sostanza analizzata, che può essere sangue, urina, saliva, sudore o capelli. È quanto afferma l'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicoManie (ISPA) di Losanna.

Il fatto che si trovino tracce di canapa nei liquidi biologici, e in che quantità le si trovi, dipende dalla dose di canapa consumata, dal tipo di consumo (se la si fuma o la si ingerisce) e dalla regolarità del consumo (occasionale o cronico) delle singole persone. A seconda dei casi, la permanenza della canapa nell'organismo varia, e di conseguenza cambia anche la possibilità di dimostrare il consumo con i test. Nel sangue, il THC, il principio attivo inebriante della canapa, può essere riscontrato già dopo pochi minuti e può venire misurato fino a 12 ore dopo il consumo. In caso di consumo occasionale, i prodotti della decomposizione della canapa possono essere riscontrati per 2 o 3 giorni dopo il consumo, ma in caso di consumo regolare, è ancora possibile riscontrarli dopo 3 settimane.

Il test del sangue è quello che permette di verificare con maggior precisione la presenza di canapa nel corpo, per quanto concerne la quantità e il momento del consumo. Di conseguenza viene utilizzato nella maggior parte dei casi come test di conferma qualificante – per esempio nella circolazione stradale – qualora altri test abbiano già dato un esito positivo.

Attualmente, il primo controllo per cercare tracce di droghe nei liquidi biologici spesso consiste in un test della saliva o dell'urina. In quest'ultimo liquido, i prodotti della decomposizione della canapa si riscontrano per un periodo molto lungo, fino a tre mesi, mentre nella saliva la permanenza delle tracce non supera le 24 ore. L'unico test in cui il periodo per dimostrare il consumo di canapa è più lungo rispetto a quello dell'urina è l'analisi dei capelli. Più i capelli sono lunghi, maggiore è la possibilità di riscontrare tracce di canapa: per ogni centimetro di capello è possibile risalire di un mese in più nel consumo di droga. Recentemente, la polizia svizzera ha adottato anche il test del sudore, perché anche in tale sostanza si trovano tracce della droga. In questo caso, gli specialisti valutano la permanenza delle tracce a poche ore e questo test permette solo di stabilire se la persona ha consumato canapa o meno.

Scritto da Gerardo

ALTRE NEWS
Sanzioni USA al Venezuela? Hanno ucciso 40000 persone!
Sanzioni USA al Venezuela? Hanno ucciso 40000 persone!

-

SANZIONI USA AL VENEZUELA E LA CRISI - La crisi del Venezuela non sembra ancora aver trovato una soluzione e l’ultima mossa del presidente Trump potrebbe contribuire a gettare benzina sul fuoco.
SANZIONI USA AL VENEZUELA E LA CRISI - La crisi del Venezuela non sembra ancora...

Allarme INFANZIA: il 70% dei bambini subisce violenze in casa
Allarme INFANZIA: il 70% dei bambini subisce violenze in casa

-

VIOLENZE DOMESTICHE PER IL 70% DEI BAMBINI - Le statistiche parlano chiaro: secondo l’ultimo rapporto della Onlus Cesvi tra il 60 e il 70% dei bambini compresi nella fascia di età 2-14 anni ha vissuto episodi di violenza tra le mura domestiche.
VIOLENZE DOMESTICHE PER IL 70% DEI BAMBINI - Le statistiche parlano chiaro:...

Carceri italiane DISUMANE: perche' nessuno ne parla piu'?
Carceri italiane DISUMANE: perche' nessuno ne parla piu'?

-

CONDIZIONI DISUMANE PER LE CARCERI ITALIANE - Delle carceri in Italia non si parla quasi più.
CONDIZIONI DISUMANE PER LE CARCERI ITALIANE - Delle carceri in Italia non si...

Autismo e pesticidi: la scienza CONFERMA. Monsanto responsabile
Autismo e pesticidi: la scienza CONFERMA. Monsanto responsabile

-

AUTISMO E PESTICIDI, LA RELAZIONE - L’autismo (anche se sarebbe più corretto parlare di disturbi dello spettro autistico) è una condizione di disordine neuropsichico che coinvolge numerosi aspetti dello sviluppo emotivo, sociale e intellettivo di chi ne è
AUTISMO E PESTICIDI, LA RELAZIONE - L’autismo (anche se sarebbe più corretto...



-


Quanto vale l'Unione Europea? Quanto valgono gli "Ideali europei". Un morto,...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati