Dieta: cosa valutare prima di iniziarne una

(Firenze)ore 15:43:00 del 13/05/2018 - Categoria: , Salute

Dieta: cosa valutare prima di iniziarne una

Iniziare una dieta non è mai facile ma vi sono alcuni fattori cruciali da tenere a mente prima di intraprenderne una, altrimenti il rischio che non vada a buon fine e che faccia male alla salute è molto alto, come sostenuto da diversi dietisti.

Iniziare una dieta non è mai facile ma vi sono alcuni fattori cruciali da tenere a mente prima di intraprenderne una, altrimenti il rischio che non vada a buon fine e che faccia male alla salute è molto alto, come sostenuto da diversi dietisti.

Come sottolineato da Alyssa Ardolino della IFIC, la maggior parte delle persone sottovaluta l'influenza negativa che una dieta dimagrante eccessivamente restrittiva può avere sulla salute mentale: in particolare, quello che potrebbe essere un iniziale, innocente tentativo di perdere peso può diventare un'ossessione o portare all'isolamento della persona. Peraltro, in uno studio condotto dalla National Eating Disorder Association, è stato scoperto che si hanno 18 volte più probabilità di sviluppare un disturbo alimentare proprio in seguito a un'alimentazione troppo povera di calorie.

La nutrizionista Malina Linkas Malkani non consiglia alle persone di seguire un programma alimentare ipocalorico, ma di concentrarsi su uno stile di vita nutrizionale più sano, ovvero pensare a pianificare bene i pasti, la spesa da fare, le ricette da preparare e ad adottare altri cambiamenti che possono ridurre naturalmente l'apporto di calorie. Sempre a suo parere, se l'obiettivo è quello di perdere peso, una dieta restrittiva potrebbe non essere la migliore soluzione perché nel tempo non funziona.

È poi bene considerare che iniziare una dieta restrittiva fa più male che bene: per questo motivo, la dietista Lisa DeFazio specifica che la maggior parte degli esperti consiglia di perdere poco peso ogni settimana. Impostare obiettivi di peso realistici viene dunque considerata come la migliore soluzione per tornare in forma e per non riprendere i chili persi nel lungo termine, inoltre può abbassare la pressione sanguigna, la glicemia e i livelli di colesterolo nel sangue.

Infine, secondo Ardolino, bisogna considerare sempre che una dieta non risolverà i problemi della vita: "le persone tendono a pensare che una nuova dieta o la perdita di peso renderà la loro vita più facile, più gestibile e complessivamente migliore", ha detto. "Ma in realtà, pesare di meno non ti protegge dalle sfide o dai disagi della vita".

Da: QUI

Scritto da Samuele

ALTRE NEWS
Aglio: ecco chi dovrebbe assolutamente evitarlo!
Aglio: ecco chi dovrebbe assolutamente evitarlo!
(Firenze)
-

L’ aglio: alimento davvero importante per il nostro benessere…MA NON SEMPRE E’ COSI’.Almeno non per tutti! Ecco chi e perché deve assolutamente evitarlo
L’ aglio è un alimento comune nelle nostre cucine. E’ presente in tantissimi...

Gelato e dieta: consigli della nutrizionista
Gelato e dieta: consigli della nutrizionista
(Firenze)
-

Possiamo concederci un gelato nonostante la dieta? Perchè no! Questo alimento è tanto amato quanto temuto perchè considerato altamente calorico.
Possiamo concederci un gelato nonostante la dieta? Perchè no! Questo alimento è...

Tutte le vie dell'inquinamento da farmaci
Tutte le vie dell'inquinamento da farmaci
(Firenze)
-

Quella dell’inquinamento da farmaci è una questione della quale si sa ancora poco e si discute ancora di meno
Quella dell’inquinamento da farmaci è una questione della quale si sa...

Cancro e alimentazione: LE VERITA' SCOMODE
Cancro e alimentazione: LE VERITA' SCOMODE
(Firenze)
-

L’ aglio è un alimento comune nelle nostre cucine. E’ presente in tantissimi ricette che fanno parte della dieta mediterranea e noi, quotidianamente ne assumiamo. Ma non è tutto ora quel che luccica e infatti in molti casi… le sue proprietà benefiche non
In quasi 40 anni di studi scientifici, di ricerche e di esperienza come medico e...

62% oncologi dichiara pagamenti DIRETTI DA BIG PHARMA
62% oncologi dichiara pagamenti DIRETTI DA BIG PHARMA
(Firenze)
-

'Relazioni pericolose' tra medici e big pharma. A confermarle è un'indagine condotta sugli oncologi, dalla quale è emerso che ben il 62% degli specialisti ha dichiarato pagamenti diretti da parte dell’industria farmaceutica negli ultimi 3 anni.
'Relazioni pericolose' tra medici e big pharma. A confermarle è un'indagine...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati