Cucina: rustici leccesi

LECCE ore 18:46:00 del 29/04/2015 - Categoria: Cucina - Cucina

Cucina: rustici leccesi

Cucina: rustici leccesi. Scopriamo insieme questo piatto nato in Puglia ma conosciuto in tutt’Italia

Ideali come spuntino a tutte le ore del giorno, i rustici leccesi sono una specialità salentina sfiziosa e saporita! Un disco croccante di pasta sfoglia dorata racchiude un morbido ripieno di besciamella, pomodoro e mozzarella!

I rustici leccesi sono facili e veloci da preparare e vanno mangiati tiepidi; nel Salento si trovano facilmente i tutte le rosticcerie o nei bar e d’estate sono il classico cibo da portare in spiaggia!

I rustici leccesi sono tutti da provare: vi conquisteranno al primo morso!

Panzerotti (calzoni) fritti

Ingredienti per 8 rustici

Pomodori passata 50 gr Mozzarella 45 g Uova 1 per spennellare Olio di oliva extravergine q.b. Sale q.b. Pasta sfoglia già pronta 3 rotoli da 230 gr l'uno

PER LA BESCIAMELLA

Latte 200 ml Farina 20 g Burro 20 g Sale q.b. Pepe nero q.b. Noce moscata q.b.

Preparazione

Rustici leccesi

Per preparare i rustici leccesi, per prima cosa realizzate la besciamella secondo le istruzioni che trovate qui: riscaldate il latte, speziandolo con pepe e noce moscata (1), sciogliete il burro in un casseruola a fuoco dolce, aggiungete la farina e mescolate velocemente con una frusta a spirale per evitare che si formino grumi. Quando la farina si sarà completamente amalgamata aggiungete il latte caldo (2), salate e, continuando a mescolare, fate addensare il tutto (3).

Tagliate la mozzarella a fette (4) e poi tritatela finemente (5); insaporite la passata di pomodoro con il sale e un filo d'olio (6).

Ricavate dai rotoli di pasta sfoglia 16 cerchi del diametro di 10 cm (7) e 8 cerchi più piccoli del diametro di 8 cm. Posizionate 8 cerchi grandi su una leccarda ricoperta di carta forno, spennellate la superficie con un uovo sbattuto (8) e ponete sopra di essi un altro cerchio della stessa dimensione (9). Questa operazione servirà a far sfogliare la pasta verso l’alto e far gonfiare i rustici.

Mettete al centro del disco circa 15 gr di besciamella (10), poi la passata di pomodoro, circa 5 gr,  e un po’ di mozzarella tritata, circa 3 gr (11-12).

Spennellate i bordi con l'uovo (13) e ricoprite i dischi grandi con quelli più piccoli (14), sigillando bene in bordi premendo con le dita (15).

Procedete così con tutti e alla fine spennellate i rustici con l’uovo sbattuto (16-17). Infornateli in forno già caldo a 200° per 25 minuti circa, fino a quando saranno dorati (18). Ecco pronti i vostri rustici leccesi: fateli intiepidire prima di servirli!

Conservazione

Consumate i rustici leccesi tiepidi.

Potete conservarli in frigorifero coperti con la pellicola e consumarli al massimo il giorno dopo.

Potete congelare i rustici leccesi crudi e poi farli scongelare per un'ora in frigorifero, quindi procedere alla cottura come da ricetta!

Consiglio

Per rendere i rustici leccesi più ricchi, potete aggiungere, se lo preferite, del prosciutto cotto.

Scritto da Gerardo

ALTRE NEWS
Pasta e fagioli estiva, ricetta
Pasta e fagioli estiva, ricetta

-

Sgranare i fagioli quindi metterli in un tegame di coccio con acqua fredda, uno spicchio d’aglio e qualche aroma (salvia e/o alloro); a fine cottura aggiungere il sale. I fagioli dovrebbero lessare in circa 50-60 minuti
Cremosa e saporita, la pasta e fagioli è uno di quei piatti della tradizione...

Bruschetta con burrata e verdure, ricetta
Bruschetta con burrata e verdure, ricetta

-

Se desiderate potete aggiungere anche dei gherigli di noce!
W le bruschette… così versatili e facili da preparare, sono sempre una...

Lasagne al pesto, Ricetta
Lasagne al pesto, Ricetta

-

Le lasagne al pesto sono un concentrato di preparazioni da fare in casa che, se pur richiedano un po’ di tempo, vi ripagheranno nel gusto e nella soddisfazione di aver fatto tutto da soli!
Le lasagne al pesto sono una ricetta speciale in cui due grandi amori della...

Il segreto del Pane della Nonna che durava 10 GIORNI!
Il segreto del Pane della Nonna che durava 10 GIORNI!

-

Il Pane della Nonna, forse qualcuno lo ricorda, durava dieci giorni… e allora cos’è questa porcheria che ci fanno mangiare oggi?
Una volta il pane delle nonne durava, nella media, dieci giorni; ora dopo tre...

Bicchierini di riso venere e spada, ricetta
Bicchierini di riso venere e spada, ricetta

-

Servendo i bicchierini di riso venere e spada in contenitori monoporzione trasparenti, il contrasto cromatico sarà subito visibile e invoglierà i vostri ospiti ad affondare il cucchiaino per andare alla scoperta di un conturbante gioco di sapori, aromi e
Lo sapevate che il riso venere è chiamato così perché nell’antichità era...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati