Cotoletta alla bolognese, ricetta

(Pescara)ore 19:38:00 del 26/04/2018 - Categoria: , Cucina

Cotoletta alla bolognese, ricetta

Un'ulteriore nota di gusto è data dal brodo di carne con cui viene sfumata la cotoletta e che viene poi trasformato in una deliziosa riduzione, come salsa di accompagnamento.

C'è un piatto che mette d'accordo tutte le tavole italiane da nord a sud: è la cotoletta! Impanata e fritta come vuole quella alla milanese o cotta alla piastra come quella alla palermitana, ne esistono tantissime varianti più sostanziose, più o meno ricche o realizzate con tagli di carne differenti, ma sempre tenerissime.

Oggi vi proponiamo la cotoletta alla bolognese, un secondo piatto molto saporito con una base di carrè di vitello impanato e guarnito con prosciutto crudo e formaggio grattugiato.

Un'ulteriore nota di gusto è data dal brodo di carne con cui viene sfumata la cotoletta e che viene poi trasformato in una deliziosa riduzione, come salsa di accompagnamento.

Conservazione

E' preferibile consumare la cotoletta alla bolognese appena cotta, altrimenti potete conservarla in frigorifero in un contenitore a chiusura ermetica per 1 giorno.

Si può congelare appena impanata e ancora cruda se si sono utilizzati ingredienti freschi non decongelati.

Si sconsiglia la congelazione da cotta per non perdere l'integrità e il gusto del piatto.

Consiglio

La cotoletta alla bolognese è fatta preferibilmente con una costoletta di vitello, quindi con una fetta di carrè con l'osso. E' difficile trovare in commercio questo taglio, ma provate a chiedere al vostro macellaio di fiducia: ne rimarrete piacevolmente sorpresi.

Ingredienti

Carne di vitello fette - 600 gr

Uova 1

Pangrattato 100 gr

Burro 60 gr

Parmigiano Reggiano 80 gr

Prosciutto crudo 80 gr

Brodo di carne 250 ml

Sale q.b.

Attrezzature

Batticarne / Forno

Preparazione

Battere le fettine di vitello, passarle nell'uovo e poi nel pangrattato.

In una padella fate sciogliere il burro e friggetevi le fette di vitello impanate per circa 6 minuti. Ponete le cotolette in una teglia da forno ben distese, sovrapponete su ciascuna una fettina di prosciutto crudo e delle scaglie di parmigiano reggiano (se è non molto stagionato fonde meglio).

Aggiungete sul fondo della teglia il brodo (o l'estratto stemperato) in quantità tale da costituire poco più di un velo sul fondo. Se lo desiderate introducete qui la variante, come per esempio la salsa di pomodoro o il tartufo, aggiungendola sul fondo (o meglio steperandola nel brodo).

Passate al forno a 250°C per 5 minuti. Le cotolette sono pronte quando il formaggio si è fuso e il fondo di cottura è stato assorbito

Scritto da Carla

ALTRE NEWS
Pasta e fagioli estiva, ricetta
Pasta e fagioli estiva, ricetta
(Pescara)
-

Sgranare i fagioli quindi metterli in un tegame di coccio con acqua fredda, uno spicchio d’aglio e qualche aroma (salvia e/o alloro); a fine cottura aggiungere il sale. I fagioli dovrebbero lessare in circa 50-60 minuti
Cremosa e saporita, la pasta e fagioli è uno di quei piatti della tradizione...

Bruschetta con burrata e verdure, ricetta
Bruschetta con burrata e verdure, ricetta
(Pescara)
-

Se desiderate potete aggiungere anche dei gherigli di noce!
W le bruschette… così versatili e facili da preparare, sono sempre una...

Lasagne al pesto, Ricetta
Lasagne al pesto, Ricetta
(Pescara)
-

Le lasagne al pesto sono un concentrato di preparazioni da fare in casa che, se pur richiedano un po’ di tempo, vi ripagheranno nel gusto e nella soddisfazione di aver fatto tutto da soli!
Le lasagne al pesto sono una ricetta speciale in cui due grandi amori della...

Il segreto del Pane della Nonna che durava 10 GIORNI!
Il segreto del Pane della Nonna che durava 10 GIORNI!
(Pescara)
-

Il Pane della Nonna, forse qualcuno lo ricorda, durava dieci giorni… e allora cos’è questa porcheria che ci fanno mangiare oggi?
Una volta il pane delle nonne durava, nella media, dieci giorni; ora dopo tre...

Bicchierini di riso venere e spada, ricetta
Bicchierini di riso venere e spada, ricetta
(Pescara)
-

Servendo i bicchierini di riso venere e spada in contenitori monoporzione trasparenti, il contrasto cromatico sarà subito visibile e invoglierà i vostri ospiti ad affondare il cucchiaino per andare alla scoperta di un conturbante gioco di sapori, aromi e
Lo sapevate che il riso venere è chiamato così perché nell’antichità era...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati