Carboidrati? I killer piu' SPIETATI PER IL TUO CUORE

(Perugia)ore 08:17:00 del 07/11/2017 - Categoria: , Salute, Scienze

Carboidrati? I killer piu' SPIETATI PER IL TUO CUORE

NON SAREBBERO I GRASSI I PRINCIPALI KILLER PER IL CUORE MA I CARBOIDRATI.

NON SAREBBERO I GRASSI I PRINCIPALI KILLER PER IL CUORE MA I CARBOIDRATI. UNO STUDIO PRESENTATO A BARCELLONA NEL CORSO DEL CONGRESSO EUROPEO DI CARDIOLOGIA METTE IN DISCUSSIONE QUANTO INDICATO FINO ORA IN TUTTE LE LINEE GUIDA DI PREVENZIONE DELLA SALUTE CARDIACA E DA DECINE DI STUDI E DOCUMENTI SCIENTIFICI.

Lo studio PURE (Prospective Urban Rural Epidemiology), stato condotto dall’Università di Hamilton, in Ontario ed i risultati sono stati presentati a Barcellona e pubblicati su Lancet  . La riduzione dei grassi, secondo Mahshid Dehghan, ricercatrice del Population Health Research Institute della McMaster University, ”non migliorerebbe la salute delle persone”. I vantaggi arriverebbero invece riducendo i glucidi, cioè in sostanza i carboidrati sotto il 60 per cento dell’energia totale, ”e aumentando l’assunzione di grassi totali fino al 35 per cento”.

I risultati delle analisi su oltre 135.000 individui provenienti da 18 paesi a basso, medio e alto reddito, nello studio prospettico epidemiologico dimostrano che e’ l’elevata assunzione di carboidrati a determinare un maggior rischio di mortalita’ cardiovascolare. L’assunzione di grassi, secondo i risultati presentati, è invece, a sorpresa, associata a minori rischi. Gli individui nella fascia alta del consumo di grassi mostravano una riduzione del 23 per cento del rischio di mortalità totale, ma anche una riduzione del 18 per cento del rischio di ictus e del 30 per cento del rischio di mortalità per cause non cardiovascolari. Ciascun tipo di grasso era associato alla riduzione del rischio di mortalità: meno 14 per cento per i grassi saturi, meno 19 per cento per i grassi monoinsaturi, meno 29 per cento per quelli polinsaturi. Una maggiore assunzione di grassi saturi e’ stata anzi associata a una riduzione del 21 per cento del rischio di ictus.

Da: QUI

Scritto da Luca

ALTRE NEWS
Dieta dei nostri nonni
Dieta dei nostri nonni
(Perugia)
-

È indispensabile ricordare che fino a 15-20.000 anni fa, prima che si concludesse l’ultima glaciazione, sopra le Alpi si estendeva uno strato di ghiaccio dello spessore di circa un chilometro e mezzo (sì avete letto bene, 1.500 metri di ghiaccio!)
Stimolato dalla proposta del professor Andrea Segrè, di richiedere il...

Dieta per allergia al Nichel
Dieta per allergia al Nichel
(Perugia)
-

Il nichel, spesso scritto anche come nickel, è un metallo pesante che come oligoelemento, ossia in bassa concentrazione, si trova nel terreno, nell’acqua e nell’aria.
Il nichel, spesso scritto anche come nickel, è un metallo pesante che come...

Ecco come veniamo ingannati dalle etichette dei vini
Ecco come veniamo ingannati dalle etichette dei vini
(Perugia)
-

Crediamo che il gusto sia qualcosa che percepiamo oggettivamente, ma non è così.
Crediamo che il gusto sia qualcosa che percepiamo oggettivamente, ma non è così....

Adesso capite perche' non LAVORA PIU' IN RAI? VIDEO
Adesso capite perche' non LAVORA PIU' IN RAI? VIDEO
(Perugia)
-

L’interessante servizio di vero giornalismo di Report sui vaccini al mercurio.
Nei vaccini c'e' il mercurio: e' contenuto in un conservante che si chiama...

Dieta per combattere la stanchezza
Dieta per combattere la stanchezza
(Perugia)
-

Le temperature rigide possono ridurre la sensazione della sete, ma l'organismo va adeguatamente idratato pure d'inverno: una cattiva idratazione nel periodo più freddo può causare infatti, tra le altre cose, diminuzione dei livelli di energia, stanchezza
Le temperature rigide possono ridurre la sensazione della sete, ma l'organismo...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati