88 giorni alla DI MAIO: insana e incontrollata SMANIA DI POTERE

(Milano)ore 21:26:00 del 05/06/2018 - Categoria: , Denunce, Politica

88 giorni alla DI MAIO: insana e incontrollata SMANIA DI POTERE

Poteva bastare, ma ieri si è scoperto che Di Maio non aveva detto la verità neanche sul professor Savona

LA TRAGEDIA DI UN POLITICO RIDICOLO - SEBASTIANO MESSINA METTE IN FILA 88 GIORNI DI LUIGI DI MAIO, DA ‘MAI CON LA LEGA’ AL CONTRATTONE, DA ‘O GOVERNO COL PD O VOTO’ A ‘L’ACCORDO CON SALVINI C’È, FATECI PARTIRE’, DA ‘I MINISTRI LI SCEGLIE IL QUIRINALE’ A ‘IMPEACHMENT!’ E POI ANCORA ‘COLLABORIAMO COL PRESIDENTE’, NELL’ARCO DI 5 GIORNI - LE CONSEGUENZE DI UNA INSANA, INCONTROLLATA, SMANIA DI POTERE… 

(…) Di Maio e Mattarella, (…) [l]o stesso presidente che lo aveva ascoltato, consigliato e persino guidato nell'insidioso labirinto di una crisi che appariva senza soluzione, lo stesso presidente del quale Di Maio diceva, dopo l'incarico a Conte, "è stato garante rispettoso della nostra Costituzione, e per questo lo ringraziamo", due giorni dopo - appena l'incaricato ha rinunciato - è diventato un traditore della Carta, un presidente da mettere subito in stato d'accusa, come Nixon e come Leone: "Impeachment!".

Perché? Perché si era rifiutato di firmare la nomina di Savona all'Economia. Esercitando quel potere costituzionale che lo stesso Di Maio gli aveva riconosciuto il 23 maggio: "I ministri li sceglie il presidente della Repubblica". Ma 48 ore dopo il leader pentastellato non la pensava più così, e lo considerava "un atto ignobile" così grave da chiedere al Parlamento di processare il capo dello Stato.

Eppure, passati altri due giorni, scoprendo che nessuno lo seguiva, l'ex candidato premier da lupo si è trasformato in agnello, ha annunciato in piazza che l'impeachment era "un'ipotesi non più sul tavolo", (…)  "Siamo pronti a collaborare con il presidente della Repubblica". 

Una figuraccia ai limiti del ridicolo, alla quale si è aggiunta la mortificante smentita che il giovane e ambiziosissimo successore di Grillo al timone dei Cinquestelle ha dovuto subire sulla ricostruzione del "caso Savona". Con l'aria di uno che smaschera la slealtà di un presidente, lui ha raccontato a Barbara D'Urso un "retroscena segreto", rivelando che al Quirinale lui aveva "fatto arrivare nomi alternativi a Savona, come Bagnai o Siri, ma non andavano bene perché nel loro passato avevano espresso posizioni critiche sull'Ue", e dunque non piacevano "alle agenzie di rating e alla Merkel". Retroscena assai gustoso, se non fosse stato smentito, al di là di ogni ragionevole dubbio, proprio dal Quirinale (e dai verbali delle consultazioni).

Poteva bastare, ma ieri si è scoperto che Di Maio non aveva detto la verità neanche sul professor Savona. "L'ho conosciuto dieci giorni fa - aveva detto - insieme a Salvini. E lui ci ha detto: faccio il ministro a patto che non si esca dall'euro". Doveva essere la prova regina. E invece è spuntato un video del 2016 - aveva ragione Casaleggio: la rete non perdona - nel quale lo stesso Savona raccontava candidamente: "Ho avuto un lungo colloquio con Di Maio e gli ho detto: qual è la tua risposta? Mi ha detto: "Niente, dobbiamo uscire dall'euro". Certo, sono il primo ad averlo detto...".

"Abbiamo vinto, ora tocca a noi" annunciò la sera del 4 marzo, lasciando credere di avere un astutissimo piano segreto per conquistare Palazzo Chigi. E invece, dopo il flirt con Salvini sulle poltrone delle due Camere, ha cominciato a fare la spola tra Lega e Pd, rivendicando col suo sorriso da guaglione scaltro la politica dei due forni (che nella Prima Repubblica era un insulto) portandosi in tasca un "contratto di governo" con gli spazi per i nomi lasciati in bianco. E prima ha rotto con Salvini ("Oggi dico ufficialmente che qualsiasi discorso con la Lega si chiude qui", 24 aprile) e poi con il Pd ("Con loro non voglio mai più averci a che fare").

Così è tornato con il leghista, riuscendo faticosamente a fargli firmare il contratto per un governo che però quello non vuole più fare. E allora Di Maio, che un mese fa avvertiva "O facciamo l'intesa col Pd o si torna al voto", il pomeriggio dell'altro ieri invocava "elezioni subito", ma la sera stessa diceva il contrario: "Una maggioranza c'è, fatelo partire quel governo". Votiamo immediatamente, dunque. Oppure voi richiamate Conte e noi sostituiamo Savona. Oppure si vota in autunno. Oppure...

Dago

Scritto da Gerardo

ALTRE NEWS
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Milano)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...

Come il governo Conte fara' pagare agli ITALIANI i debiti del MPS
Come il governo Conte fara' pagare agli ITALIANI i debiti del MPS
(Milano)
-

Entro il 2021 lo stato sarà chiamato a uscire dal capitale di Monte dei Paschi di Siena (MPS)
DEBITI MPS PAGATI DAGLI ITALIANI - Con un quota in possesso del Tesoro del...

Fatture false, genitori Renzi condannati a 1 anno e 9 mesi
Fatture false, genitori Renzi condannati a 1 anno e 9 mesi
(Milano)
-

Il pm Christine von Borries nella sua requisitoria odierna aveva chiesto per i genitori di Renzi una condanna a un anno e nove mesi, e a due anni e tre mesi per Dagostino.
PROCESSO GENITORI RENZI - Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell'ex premier...

Come le multinazionali eludono tasse e nessuno fa niente
Come le multinazionali eludono tasse e nessuno fa niente
(Milano)
-

MULTINAZIONALI ED ELUSIONI TASSE - Ogni anno il 40% dei profitti delle grandi multinazionali viene dirottato verso paradisi fiscali che permettono alle aziende di eludere la fiscalità nazionale e di guadagnare circa 5 euro su ogni euro di tasse pagate.
MULTINAZIONALI ED ELUSIONI TASSE - Ogni anno il 40% dei profitti delle grandi...

Guerra, Italia responsabile. Quante armi vendiamo alla Turchia
Guerra, Italia responsabile. Quante armi vendiamo alla Turchia
(Milano)
-

VENDIAMO ARMI ALLA TURCHIA, ITALIA RESPONSABILE DELLA GUERRA IN SIRIA - «In Italia c’è una legge, la 185/90, che vieta di vendere armi ai paesi in guerra.
VENDIAMO ARMI ALLA TURCHIA, ITALIA RESPONSABILE DELLA GUERRA IN SIRIA - «In...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati