(Catanzaro)ore 08:48:00 del 19/11/2017 - Categoria: , Denunce, Esteri, Politica

BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di traverso "all'Europa" o per meglio dire ai circoli di potere della Ue e della Bce.

"Societa' come la Bmc di Bologna, specializzata nella produzione di filtri d'aria, si sta espandendo anche a livello internazionale. Quest'ultima - scrive il quotidiano tedesco Handelsblatt oggi in prima pagina -, appartiene al 30 per cento delle imprese italiane con prodotti concorrenziali a livello internazionale. La zona di Bologna ha aziende in forte espansione, come la Ferrari e la Barilla, ma non sono rappresentative della situazione italiana".

"La terza economia della zona euro - continua il quotidiano tedesco - resta infatti fanalino di coda della crescita europea. Il Fondo monetario internazionale prevede una crescita del Pil dell'1,5 per cento quest'anno. L'Italia e' in ritardo rispetto alla Germania, alla Francia e alla Spagna. L'anno prossimo la distanza sara' ancora maggiore".

"E' difficile immaginare che l'Italia possa superare gli altri Stati in quanto a crescita, ha dichiarato il professore di economia Roberto Perotti dell'Universita' Bocconi di Milano - prosegue l' Handelsblatt -. Gli economisti segnalano, accanto a problemi cronici come l'arretratezza del Mezzogiorno, anche l'assenza di un indirizzo politico efficace: la mancanza di riforme, la burocrazia eccessiva e un apparato statale inefficiente sono un pesante fardello per l'economia del paese mediterraneo".

"Le prossime elezioni politiche della primavera 2018 non preannunciano una maggioranza stabile, e probabilmente ci sara' una coalizione multipartitica: "Questo sarebbe pessimo per l'Italia", afferma il professore. Gli esperti - precisa il quotidiano tedesco - guardano con preoccupazione al momento in cui la Banca centrale europea rallentera' l'enorme acquisto di obbligazioni fin qui operata dall'italiano Mario Draghi. Nel 2016 il debito pubblico italiano ammontava al 132 per cento del Pil. L'Italia deve spendere 70 miliardi di euro all'anno per far fronte ai debiti correnti. La Bce dal marzo del 2015 ha acquistato titoli di stato italiani per un valore pari a 300 miliardi di euro".

"Il programma della Bce ha portato enormi vantaggi che non abbiamo sfruttato, ha dichiarato il professore di economia Gustavo Piga dell'Universita' Tor Vergata di Roma - altro economista intervistato in questo lungo articolo dell'Handelsblatt -. Invece di usare il denaro per l'istruzione e le infrastrutture, Roma, il governo, ha emesso incentivi fiscali per le societa' per le assunzioni e gli investimenti, ma secondo Perotti queste misure si riveleranno un fuoco di paglia. Dei 387.000 dipendenti neo-assunti lo scorso anno, il 94 per cento ha avuto contratti a tempo determinato precari. Il governo dell'ex primo ministro Matteo Renzi aveva orientato la sua riforma del mercato del lavoro per portare piu' italiani a lavori permanenti. Dopo la crisi finanziaria l'economia italiana ha perso circa il 9 per cento del Pil. Dieci istituti bancari hanno dovuto chiudere e molti altri sono tutt'ora in crisi per i crediti deteriorati. Inoltre, il tasso di disoccupazione in Italia e' 11,1 per cento, superiore alla media dell'area euro".

Questo è quanto pensa la stampa tedesca del governo italiano, di Renzi e del disastro che ha combinato nel Paese.

Da: Jeda

Scritto da Gerardo

ALTRE NEWS
Come TERMINI MUORE di uno SPAVENTOSO DEGRADO
Come TERMINI MUORE di uno SPAVENTOSO DEGRADO
(Catanzaro)
-

Parliamo del progetto di canalizzazione del traffico in funzione anti-sosta selvaggia delle zone circostanti alla Stazione Termini.
Parliamo del progetto di canalizzazione del traffico in funzione anti-sosta...


(Catanzaro)
-


Per il vicepremier Luigi Di Maio l'approvazione in Consiglio dei ministri del...

Portogallo paradiso dei pensionati italiani: PENSIONE SENZA TRATTENUTE
Portogallo paradiso dei pensionati italiani: PENSIONE SENZA TRATTENUTE
(Catanzaro)
-

Il racconto del giornalista Paolo Ziliani da Cascais, comune portoghese situato nel distretto di Lisbona: “Dai ristoranti al mare, dal pane ai taxi, tutto è meno caro dell’Italia”.
Il racconto del giornalista Paolo Ziliani da Cascais, comune portoghese situato...

Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare
Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare
(Catanzaro)
-

Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste di fine anno negli asili, gli italiani alla busta paga e a come far quadrare i conti e le imprese a lamentarsi di non riuscire a trovare personale.
Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste...

CO2: il gas che non inquina utilizzato per aumentare le tasse
CO2: il gas che non inquina utilizzato per aumentare le tasse
(Catanzaro)
-

L’ecologismo della CO2 è il proseguimento dell’austerità con altri mezzi
Dalla carbon tax alla tassa sul diesel in Francia, a quella sui veicoli a...



Blog Italiano | Contatti | Sitemap articoli

2013 Blog Italiano - Tutti i diritti riservati